Test muscolo-scheletrici pratici per i runner

Redattrice principale Dawn Nunes Contributori principaliWanda van Niekerk, Kim Jackson, Jess Bell e Lucinda Hampton

Introduzione(edit | edit source)

Corridori-635906 1920.jpg

Questa pagina è correlata al corso pratico del Programma Guida completa alla comprensione del runner di Dawn Nunes, disponibile su Plus. Questi test sono utili per identificare i comuni squilibri nella forza e nella lunghezza muscolare. La maggior parte di questi test valuta più aree contemporaneamente, il che li rende efficaci e veloci. Cercate di valutare il runner in una posizione, completate tutti i test e poi passate alla posizione successiva, in modo da non dover cambiare continuamente posizione.(1)

Questo screening muscolo-scheletrico può essere effettuato congiuntamente a un’analisi su tapis roulant con registrazione video. Questo permetterà di effettuare una valutazione completa del runner dall’anamnesi soggettiva, l’attrezzatura, la meccanica corporea e il modo in cui corre. L’utilizzo di tutte queste informazioni fornirà un’ottima visione d’insieme del runner e permetterà di valutare appieno eventuali squilibri, debolezze o cambiamenti di marcia che devono essere fatti per ottimizzare l’allenamento e prevenire gli infortuni.(1)

Strumenti di valutazione chiave( modifica | modifica fonte )

Di seguito sono riportati alcuni strumenti di valutazione chiave da considerare(1):

  • Conoscete il test che state eseguendo
    • È molto importante che abbiate una buona comprensione del test, della posizione in cui deve trovarsi il runner, della posizione in cui dovete trovarvi voi per eseguire efficacemente il test e anche di ciò che state osservando. Spiegate al vostro runner cosa volete che faccia e siate molto specifici, in modo che il test sia riproducibile e accurato. Se il runner non è in una buona posizione o esegue il test in modo scorretto, fermatevi, riposizionatevi o spiegate, e poi ripartite piuttosto che continuare in modo scorretto.
  • Spiegate il test al runner
    • L’adesione sarà migliore se il runner comprende il motivo e lo scopo di un’azione. Se spiegate cosa vorreste dal runner e come quello potrebbe aiutarlo, il runner sarà più desideroso e disponibile a svolgere correttamente il test e, successivamente, gli esercizi che seguono la valutazione. Siate specifici con le posizioni delle mani, delle gambe e del corpo e con i tempi. Dimostrate prima l’esercizio, in modo che anche loro possano vedere come si svolge.
  • Sappiate cosa state testando
    • Ricordatevi di valutare continuamente il runner mentre esegue il test. Prendete appunti, soprattutto se un lato è più debole dell’altro, in modo da poterglielo dire immediatamente piuttosto che cercare di ricordare tutti i test alla fine della valutazione.
  • Siate preparati
    • Per questi test sono necessarie alcune attrezzature. Assicuratevi di avere tutto il necessario a portata di mano, in modo da non perdere tempo nell’allestimento o nella ricerca dell’oggetto mancante. L’essere preparati e organizzati dimostrerà la vostra professionalità e la vostra efficienza nell’esecuzione dei test. Creerà anche maggiore fiducia nel runner, che vedrà che sapete esattamente cosa volete fare e che avete organizzato tutto.

Test muscolo-scheletrici per i runner( modifica | modifica fonte )

Test di equilibrio su una gamba sola( modifica | modifica fonte )

  • Chiedete al runner di incrociare le braccia sul petto e di stare in piedi su una gamba sola
  • Valutare:
    • Movimento dell’anca, ad esempio: l’anca si è abbassata?
    • Tempo: per quanto tempo il runner riesce a mantenere l’equilibrio? Quanto tempo passa prima che il runner debba appoggiare l’altro piede o fare touchdown o quanti touchdown fa in 30 secondi?
    • Ripetete il test su entrambi i lati
    • Iniziate con il runner che esegue il test con gli occhi aperti
    • Progredite a una posizione più impegnativa con il runner ad occhi chiusi
  • Il test può essere utilizzato anche come esercizio di riabilitazione
  • Si veda anche: Test di appoggio su una gamba sola e Perché dovresti includere il test di appoggio su una gamba sola in ogni valutazione del paziente

(2)

Test di step down laterale( modifica | modifica sorgente )

  • Questo test viene utilizzato per valutare la qualità del movimento a livello del tronco, del bacino e del ginocchio,(3) e la mobilità della caviglia(1)
  • Confrontate sempre i lati destro e sinistro
  • Chiedete al runner di stare in piedi su uno step con le mani sui fianchi e un piede appoggiato sul bordo mediale dello step. Fategli eseguire più volte uno step down (passo in discesa) con una sola gamba, senza che il peso del runner si sposti sulla gamba controlaterale
  • Il fisioterapista valuta la qualità del movimento e le deviazioni che si verificano durante il test
  • In base al numero cumulativo di deviazioni riscontrate, è possibile assegnare una categoria di qualità secondo i criteri di assegnazione del punteggio del test di step down laterale(4)
  • Si veda Test di step down laterale
Criteri di assegnazione del punteggio nel test di step down laterale(3)
Deviazione del movimento Interpretazione Punteggio
Strategia del braccio Rimozione di una mano dalla vita 1
Allineamento del tronco Inclinazione in qualsiasi direzione 1
Piano pelvico Perdita del piano orizzontale 1
Posizione del ginocchio Tuberosità tibiale mediale al secondo dito del piede 1
Tuberosità tibiale mediale al bordo mediale del piede 2
Posizione stabile Step down sull’arto controlaterale o il piede esitante 1
Punteggio cumulativo
0 o 1 Buono
2 o 3 Discreto
4 o superiore Scarso

(5)

Test Sit to stand a una gamba sola (SLSTST)( modifica | modifica fonte )

  • Un test funzionale per valutare la forza dei quadricipiti e della catena posteriore – muscoli glutei e ischiocrurali
  • Per saperne di più: Cinque volte il test Sit to stand e 30 secondi il test Sit to stand
  • Il runner si siede su una sedia, con le ginocchia in flessione di 90° e le braccia incrociate sul petto
  • Chiedete al runner di alzarsi in piedi e di raggiungere la completa estensione del ginocchio della gamba in esame senza che la gamba controlaterale tocchi il pavimento
  • Il runner torna quindi in posizione seduta
  • Valutate la qualità del movimento, l’allineamento di anca e ginocchio, l’equilibrio, il dolore
  • Confrontate i lati destro e sinistro
  • Due varianti di questo test(6):
    • Test a tempo per misurare la resistenza muscolare (SLST30sec)(6)
      • Il runner esegue il maggior numero possibile di ripetizioni in 30 secondi
    • Test di velocità nelle ripetizioni per valutare la potenza (SLST5rep)(6)
      • Il runner esegue 5 ripetizioni e viene cronometrato per valutare la velocità di completamento delle 5 ripetizioni
    • Queste variazioni potrebbero essere utili nella valutazione di runner e atleti per il confronto tra i lati destro e sinistro, ma anche per avere una linea di base per valutazioni future e programmi di riabilitazione.(1)

(7)

Test Knee to wall( modifica | modifica fonte )

  • Questo test valuta il range di movimento della flessione dorsale di caviglia
  • Esistono forti evidenze di una buona affidabilità inter- e intra-clinica del test Knee to wall per valutare il range di movimento in flessione dorsale(8)
  • Confrontate sempre i lati destro e sinistro
  • Valutazione
    • Il runner posiziona il piede contro un muro e poi fa un affondo in avanti per vedere se il ginocchio riesce a entrare in contatto con il muro prima che il tallone si stacchi da terra
    • Il piede viene allontanato dal muro fino al punto in cui il ginocchio può avere solo un leggero contatto con il muro, mentre il tallone rimane a contatto con il pavimento
    • Misurate la distanza massima dal muro alla punta dell’alluce in centimetri (cm)
  • Per saperne di più: Test Knee to wall
  • Evidenze per il range di movimento della caviglia
    • Green et al.(9) hanno riportato che un range di movimento limitato in flessione dorsale di caviglia non è un fattore di rischio per le lesioni muscolari al polpaccio.
    • Fong et al.(10) hanno riferito che un maggior range di movimento in flessione dorsale era associato a una maggior flessione del ginocchio e a minori forze di reazione al suolo durante l’atterraggio. Inoltre, esistono evidenze inconfutabili dell’esistenza di un’associazione tra la flessione dorsale di caviglia ridotta/limitata e il valgismo dinamico del ginocchio. Si raccomanda pertanto di includere nella pratica clinica la valutazione del range di movimento in flessione dorsale di caviglia, poiché le limitazioni del range di movimento possono predisporre gli individui a schemi di movimento dannosi per gli arti inferiori.(11)

Test di sollevamento del polpaccio fino all’affaticamento( modifica | modifica fonte )

  • Questo test valuta la capacità tissutale della muscolatura del polpaccio(14)
  • Il runner sta in piedi dritto su uno step su una gamba sola. Il tallone è fuori dal bordo dello step e solo la pianta del piede è sullo step
  • Mantenere l’equilibrio tenendo le punte delle dita contro un muro
  • Il bacino dovrebbe rimanere in orizzontale per tutta la durata del test
  • Il runner porta la caviglia in flessione plantare completa (salita) e poi in flessione dorsale completa (discesa)
  • Il runner ripete questa azione finché non si affatica
  • La cadenza dovrebbe essere di 1 secondo su e 1 secondo giù
  • Non sono ammessi rimbalzi
  • Il test viene interrotto quando il runner si affatica o quando il range di movimento o la cadenza non vengono più mantenuti
  • Registrate il numero totale di ripetizioni eseguite
  • Confrontate i lati destro e sinistro
  • Il ginocchio esteso valuta il muscolo gastrocnemio, mentre il ginocchio flesso isola il muscolo soleo
  • Test di sollevamento del polpaccio per gli anziani
    • L’importanza della forza dei muscoli del polpaccio e l’effetto di rinforzo dei sollevamenti del polpaccio in una popolazione anziana sono dimostrati in uno studio di Helô-Isa et al.(15)
  • Valori normativi(16) per questo test sono disponibili nella tabella seguente
Valori normativi per il test di sollevamento del polpaccio su una sola gamba(16)
Età Maschi Femmine
20 – 29 37 ripetizioni 30 ripetizioni
30 – 39 32 ripetizioni 27 ripetizioni
40 – 49 28 ripetizioni 24 ripetizioni
50 – 59 23 ripetizioni 21 ripetizioni
60 -69 19 ripetizioni 19 ripetizioni
70 -79 14 ripetizioni 16 ripetizioni
80 -89 10 ripetizioni 13 ripetizioni

Affondo inverso( modifica | modifica fonte )

  • Un modo dinamico per testare la mobilità dell’anca
  • Valutazione(1):
    • Il runner sta in piedi con entrambe le mani dietro la testa
    • Il runner fa un affondo all’indietro e torna alla posizione di partenza
    • Ripete questo movimento e il fisioterapista valuta la qualità del movimento e i metodi di compensazione
      • Se il runner non ha l’estensione dell’anca, i metodi di compensazione possono includere l’inclinazione del tronco in avanti o l’inarcamento in estensione della colonna vertebrale lombare
      • Se il runner ha una rotazione interna dell’anca limitata, i metodi di compensazione possono includere il ginocchio in posizione di valgismo e il piede in rotazione esterna

(19)

Mantenimento del Side Copenhagen Bridge( modifica | modifica fonte )

  • Valuta i muscoli adduttori
  • Valutazione:
    • Il runner è in posizione di decubito laterale
    • Posiziona il piede della gamba superiore su una panca
    • Gomito sotto la spalla
    • Il runner solleva il corpo premendo la gamba superiore sulla panca per assumere una posizione di ponte laterale
    • Mantiene questa posizione per 20 secondi
    • Confrontate i lati sinistro a destro
    • Un modo per facilitare l’esercizio/il test è quello di accorciare la leva appoggiando il ginocchio della gamba superiore sulla panca
  • Copenhagen Adductor Exercise (CAE)
    • Sulla scia del mantenimento del Side Copenhagen Bridge, la ricerca dimostra che Copenhagen Adductor Exercise ha un’influenza positiva sulla forza eccentrica degli adduttori d’anca e sull’importanza di rinforzare questi muscoli per prevenire le lesioni all’inguine.(20)

Plank anteriore( modifica | modifica fonte )

  • Benefici per la forza di tutto il corpo(1)
  • Valutazione:
    • Il runner è in posizione prona
    • Gomiti sotto le spalle
    • Piedi alla larghezza delle spalle
    • Il runner solleva il corpo in modo che il peso sia distribuito su avambracci e piedi
    • Mantiene il corpo in linea retta
  • Per quanto tempo il runner può mantenere questa posizione? (Misura in secondi)
  • Progressioni del plank – sollevare una gamba in estensione; sollevare un braccio
  • Per saperne di più: Esercizio del Plank

Plank laterale( modifica | modifica fonte )

  • Valutazione(1):
    • Il runner è in posizione di decubito laterale
    • Gomito sotto la spalla
    • Solleva il corpo in modo che il peso sia distribuito su avambraccio e piedi
    • Solleva il braccio superiore
    • Mantiene il corpo in linea retta
    • Cronometrate per quanto tempo il runner può mantenere questa posizione
  • Progressione del plank laterale
    • Abdurre la gamba superiore
  • Regressione del plank laterale
    • Mantenere il ginocchio sul pavimento e sollevare

(27)

Ponte su una gamba sola fino all’affaticamento( modifica | modifica fonte )

  • Il focus è sulla catena posteriore – muscoli glutei e ischiocrurali(1)
  • Valutazione:
    • Il runner si sdraia in posizione supina
    • Braccia incrociate sul petto
    • Ginocchia piegate e piedi su una panca/sedia
    • Una gamba dovrebbe essere estesa (non la gamba testata)
    • Il runner deve sollevare il bacino dal pavimento fino a quando il corpo è in linea retta e poi abbassare nuovamente il bacino
    • Contate e documentate il numero di ripetizioni che il runner può eseguire fino all’affaticamento
    • Confrontate sempre i lati destro e sinistro
  • Valutate cosa succede con la posizione pelvica, ad esempio caduta su un lato, rotazione da un lato

(31)

Test di Thomas modificato( modifica | modifica sorgente )

  • Misura la flessibilità dei flessori dell’anca
  • Valutazione(1):
    • Il runner abbraccia un ginocchio al petto e si sdraia supino sul rialzo/lettino con la piega glutea all’estremità del rialzo/lettino
    • Assicuratevi che la colonna vertebrale lombare sia in posizione neutra
    • Il runner rilassa una gamba
    • Se l’anca rimane in flessione, è indice di flessori dell’anca rigidi – ileopsoas
    • Se il ginocchio rimane in estensione, ciò indica una rigidità del quadricipite – retto femorale
    • Se il ginocchio va in abduzione, è indicativo di una bandelletta ileotibiale rigida
  • Per saperne di più: Test di Thomas

(32)

Slump(edit | edit source)

  • Test di tensione neurale per valutare la neurodinamica o la sensibilità del tessuto neurale(33)
  • Lo slump test combinato con la triade di Dejerine ha validità clinica per escludere la radicolopatia lombare o lombo-sacrale(33)
  • Valutazione:
    • Runner seduto con le mani dietro la schiena
    • Chiedete al runner di afflosciarsi in avanti a livello della colonna vertebrale toracica e lombare
    • Chiedete al runner di flettere il collo, appoggiando il mento sul petto; il fisioterapista può posizionare delicatamente una mano sulla testa per mantenere questa flessione
    • Chiedete al runner di estendere una gamba e valutate eventuali segni o sintomi neurali
    • È possibile aggiungere la flessione dorsale di caviglia per aumentare ulteriormente la tensione del sistema neurale
    • Confrontate i lati destro e sinistro

(34)

Discrepanza nella lunghezza delle gambe( modifica | modifica fonte )

  • Le ricerche suggeriscono che c’è scarso consenso su un trattamento e una diagnosi definitivi della discrepanza nella lunghezza delle gambe(35)
  • I trattamenti che possono essere presi in considerazione includono(35):
    • Un rialzo per scarpe
    • Una scarpa alta
    • Un’ortesi
    • Rallentamento della crescita indotto chirurgicamente dal blocco delle placche epifisarie in corrispondenza dell’articolazione del ginocchio
    • Allungamento della gamba con osteotomia e successiva distrazione del callo osseo con apparecchio completamente impiantato o esterno
  • L’opzione di trattare in modo conservativo o chirurgico rimane elettiva(35)
  • Le differenze nella lunghezza delle gambe tra 2 e 5 cm possono essere normalizzate utilizzando uno dei metodi sopra indicati(35)
  • Valutazione:
    • Runner in posizione supina
    • Misurate la lunghezza della gamba dalla SIAS al malleolo mediale
    • Confrontate i lati destro e sinistro

(36)

Test del ponte su una gamba sola( modifica | modifica fonte )

  • Strumento di screening rapido per la forza e la stabilità dei muscoli glutei
  • Valutare(1):
    • Runner in posizione supina con le ginocchia flesse e i piedi sul pavimento
    • Mani unite davanti a sé
    • Estendere una gamba
    • Chiedete al runner di sollevare il bacino dal pavimento/letto e di mantenere questa posizione
    • Il runner dovrebbe essere in grado di mantenere questa posizione per 30 secondi su ciascuna gamba, mantenendo il bacino in orizzontale e senza crampi agli arti inferiori o dolori alla schiena

(37)

Conclusioni(edit | edit source)

Esistono molti test che potrebbero essere utilizzati per valutare i runner. I test in questa pagina forniscono una buona panoramica della lunghezza, della forza e del movimento dei muscoli legati alla corsa. Se sono necessari ulteriori test, ad esempio se si nota una rigidità della caviglia durante i sollevamenti del polpaccio, è possibile farli in modo più dettagliato durante una sessione di follow-up.(1)

Citazioni(edit | edit source)

  1. 1.00 1.01 1.02 1.03 1.04 1.05 1.06 1.07 1.08 1.09 1.10 1.11 Nunes, D. Practical Musculoskeletal Testing for Runners Course. Plus. 2022
  2. Robbins Rehabilitation Allentown Beth Umac & Bangor. Single Leg Balance Test. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=H7ehsrCSdQM (last accessed 21/4/2022)
  3. 3.0 3.1 Mansfield C, Spech C, Rethman K, Clagg S, Ingle A, Largent A, Vatti T, Morrow M, VanEtten L, Briggs M. Moderate reliability of the lateral step down test amongst experienced and novice physical therapists. Physiotherapy Theory and Practice. 2021 Aug 14:1-9.
  4. Piva SR, Fitzgerald K, Irrgang JJ, Jones S, Hando BR, Browder DA, Childs JD. Reliability of measures of impairments associated with patellofemoral pain syndrome. BMC musculoskeletal disorders. 2006 Dec;7(1):1-3.
  5. Evolution Physical Therapy and Fitness. Lateral Step Down Test. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=sSCKl_cbzuY (last accessed 21/4/2022)
  6. 6.0 6.1 6.2 Waldhelm A, Gubler C, Sullivan K, Witte C, Buchheister D, Bartz-Broussard J. Inter-rater and test-retest reliability of two new single leg sit-to-stand tests. International Journal of Sports Physical Therapy. 2020 May;15(3):388.
  7. Made2Move Physical Therapy. Single Leg Sit To Stand Test. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=U16kkcQeG50(last accessed 21/4/2022)
  8. Powden CJ, Hoch JM, Hoch MC. Reliability and minimal detectable change of the weight-bearing lunge test: a systematic review. Manual therapy. 2015 Aug 1;20(4):524-32.
  9. Green B, Pizzari T. Calf muscle strain injuries in sport: a systematic review of risk factors for injury. British journal of sports medicine. 2017 Aug 1;51(16):1189-94.
  10. Fong CM, Blackburn JT, Norcross MF, McGrath M, Padua DA. Ankle-dorsiflexion range of motion and landing biomechanics. Journal of athletic training. 2011 Jan;46(1):5-10.
  11. Lima YL, Ferreira VM, de Paula Lima PO, Bezerra MA, de Oliveira RR, Almeida GP. The association of ankle dorsiflexion and dynamic knee valgus: A systematic review and meta-analysis. Physical Therapy in Sport. 2018 Jan 1;29:61-9.
  12. Evolution Physical Therapy and Fitness. Knee to Wall Test. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=TkftCFV1a5k (last accessed 21/4/2022)
  13. Thompson Physical Therapy. Knee to Wall Dorsiflexion Test. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=X3fLDANL_g4 (last accessed 21/4/2022)
  14. Howe LP, Read PJ. Movement Screening and Physical Capacity Assessments. In The Science and Practice of Middle and Long Distance Running 2021 Mar 29 (pp. 97-117). Routledge.
  15. André HI, Moniz-Pereira V, Ramalho F, Santos-Rocha R, Veloso A, Carnide F. Responsiveness of the Calf-Raise Senior test in community-dwelling older adults undergoing an exercise intervention program. PloS one. 2020 Apr 29;15(4):e0231556.
  16. 16.0 16.1 Hébert-Losier K, Wessman C, Alricsson M, Svantesson U. Updated reliability and normative values for the standing heel-rise test in healthy adults. Physiotherapy. 2017 Dec 1;103(4):446-52.
  17. Evolution Physical Therapy and Fitness. Single Leg Heel Raise Test. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=TbXGtsx3Y3Y (last accessed 22/04/2022)
  18. Health & High Performance.How strong are your calves? Feel the burn with this test | Sports Chiropractor Melbourne. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=SyKDI1ZcROs (last accessed 22/4/2022)
  19. Intention2Action. Functional Hip Mobility Assessment. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=Y-G0jFHqwxQ (last accessed 22/04/2022)
  20. Schaber M, Guiser Z, Brauer L, Jackson R, Banyasz J, Miletti R, Hassen-Miller A. The Neuromuscular Effects of the Copenhagen Adductor Exercise: A Systematic Review. International Journal of Sports Physical Therapy. 2021;16(5):1210.
  21. Sports Rehab Expert. Copenhagen Plank Levels of Progressions. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=CjinhqRzcaY (last accessed 22/4/2022)
  22. E3 Rehab. How to Perform & Program the Copenhagen Plank for Eccentric Adductor Strength & Reduce Injury Risk. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=kD1t1hWzIDE (last accessed 22/04/2022)
  23. Rehab My Patient. How to do a Plank. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=noeBz0JoW-4(last accessed 22/04/2022)
  24. Rehab My Patient. How to do a Plank with one arm. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=JjPj_gRGE8Y(last accessed 22/04/2022)
  25. Rehab My Patient. How to do a Plank with one leg. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=GVUsz9jhlCI (last accessed 22/04/2022)
  26. Rehab My Patient. How to do a kneeling plank. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=UOXuHkBfDhU (last accessed 22/04/2022)
  27. Evolution Physical Therapy & Fitness. Side Plank with Hip Abduction. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=oc2WqKFDLks (last accessed 24/04/2022)
  28. Rehab My Patient. How to do a Side plank. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=vQKLvMTYA9Q (last accessed 22/04/2022)
  29. Rehab My Patient. Side plank advanced. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=hfh39uh8vi4(last accessed 22/04/2022)
  30. Rehab My Patient. How to do a Side plank kneeling. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=UurF0EhHFLg (last accessed 22/04/2022)
  31. Pure Physio. Single Leg Bridge Test. Available from https://www.youtube.com/watch?v=A_irxl-8_rQ . (last accessed 22/04/2022)
  32. Clinical Physio. Modified Thomas Test for Knee and Hip | Clinical Physio. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=vk5GnoRf4xM&t=194s (last accessed 22/04/2022)
  33. 33.0 33.1 González Espinosa de los Monteros FJ, Gonzalez-Medina G, Ardila EM, Mansilla JR, Expósito JP, Ruiz PO. Use of Neurodynamic or Orthopedic Tension Tests for the Diagnosis of Lumbar and Lumbosacral Radiculopathies: Study of the Diagnostic Validity. International Journal of Environmental Research and Public Health. 2020 Jan;17(19):7046.
  34. www.sportsinjuryclinic.net. Slump test for Sciatic Nerve pain. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=zdbIa96e-pk (last accessed 22/04/2022)
  35. 35.0 35.1 35.2 35.3 Vogt B, Gosheger G, Wirth T, Horn J, Rödl R. Leg length discrepancy—treatment indications and strategies. Deutsches Ärzteblatt International. 2020 Jun;117(24):405.
  36. MSK Medicine. True leg length measurement. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=HTqifTH98K4 (last accessed 22/04/2022)
  37. Evolution Physical Therapy & Fitness. Single Leg Glute Bridge Test. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=w8Sd8jbXfbI (last accessed 24/04/2022)


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili