Vivere la pratica basata sulle evidenze ed esserne un esempio

Redazione originale Wanda van Niekerk sulla base del corso di Benita Olivier

Collaboratori principaliWanda van Niekerk and Jess Bell

Introduzione(edit | edit source)

La pratica basata sulle evidenze (EBP) nell’assistenza sanitaria svolge un ruolo fondamentale nella formazione clinica, nella ricerca e nelle pratiche riabilitative. Funziona come un metodo di risoluzione dei problemi in cui le evidenze provenienti dalla ricerca guidano il ragionamento clinico e il processo decisionale. Ogni aspetto del modello di pratica basata sulle evidenze è significativo e, invece di applicare ciascun elemento in modo isolato, l’enfasi è posta sull’applicazione collettiva di questi aspetti per sostenere una decisione clinica.(1)

La definizione di pratica basata sulle evidenze si è evoluta nel tempo. Oltre all’integrazione della ricerca, della competenza clinica e dei valori e delle circostanze del paziente, è necessario anche che il professionista sanitario “consideri le caratteristiche del contesto locale e più ampio della pratica”.(1) Non si tratta quindi solo di ricerca. Si tratta anche di abilità, educazione ed esperienza del clinico, nonché del paziente e dei suoi valori, circostanze, preferenze e stato clinico. Inoltre, il professionista clinico deve considerare la disponibilità di risorse, le politiche e i fattori culturali e socioeconomici nel processo decisionale.(1) Hoffman et al. lo spiegano in modo eloquente: “Ciò richiede giudizio e abilità, oltre a scienza e logica”.(1)

Revisione delle fasi della pratica basata sulle evidenze( modifica | modifica fonte )

Fase 1: Determinazione dei bisogni/esigenze del paziente per formulare un quesito clinico

Mnemonico PICOT da utilizzare per formulare un quesito clinico
P (Paziente / Popolazione) I (Intervento) C (comparatore) O (Outcome) T (Tipo)
  • Quando si formula un quesito clinico per determinare la misura di outcome da utilizzare, bisogna utilizzare le colonne P, O e T del mnemonico PICOT

Fase 2: Individuazione delle risorse di conoscenza

  • Per rivedere questa fase, si può dare un’occhiata a Individuare le fonti di conoscenza nella pratica basata sulle evidenze
  • Ordine suggerito per individuare le risorse di conoscenza(3):
    1. Cercare le informazioni su una piattaforma di sintesi basata sulle evidenze
    2. Cercare una linea guida per la pratica clinica
    3. Cercare una revisione sistematica
    4. Cercare degli studi primari

Nota: si raccomanda di scaricare e salvare i documenti pertinenti in un luogo sicuro, in modo da poterli ritrovare facilmente.

Fase 3: Valutazione della qualità delle risorse di conoscenza

Fase 4: Discussione delle opzioni con il paziente

  • Si raccomanda di consultare la sezione Discussione delle opzioni con il paziente per rivedere alcuni punti importanti sulla discussione delle opzioni con il paziente
  • Bisogna ricordare che ogni discussione con un paziente sarà diversa, poiché ogni paziente ha un contesto unico; si può utilizzare questa fase per costruire un rapporto con il paziente e per creare uno spazio sicuro(3)

Fase 5: Formulazione del piano di trattamento

  • Pianificare il trattamento, essere disposti ad adattare le cose e riconsiderare, riflettere e rivedere sempre(3)

Fase 6: Implementazione del piano di trattamento

Fase 7: Valutazione dell’efficacia del piano di trattamento e del processo di pratica basata sulle evidenze

  • Per rivedere questo passaggio, è possibile dare un’occhiata alla Valutazione

Qui è possibile rivedere come utilizzare la pratica basata sulle evidenze per decidere una misura di outcome. Si veda anche: Allied Health Professions (AHP) Outcome Measures UK Working Group’s Domande chiave da porre nella selezione delle misure di outcome: una checklist per i professionisti sanitari alleati , che può aiutarvi a valutare la qualità di una misura di outcome.

Rendere la pratica basata sulle evidenze parte della propria vita( modifica | modifica fonte )

Implementare la pratica basata sulle evidenze( modifica | modifica fonte )

  • Lavorare sulle proprie abilità correlate alla pratica basata sulle evidenze – sapete meglio di chiunque altro quali abilità necessarie vi mancano(3)
  • Trovare il tempo – il tempo è un grande ostacolo alla pratica basata sulle evidenze(5)
    • Cercate di superare questo ostacolo in un modo creativo e innovativo che funzioni per voi(3)
  • Ricordare a se stessi il processo della pratica basata sulle evidenze – attaccatelo in un luogo visibile ogni giorno, rendetelo un’abitudine(3)
  • Vivere la pratica basata sulle evidenze – trovate delle opportunità per condividere il modello di pratica basata sulle evidenze con altri(3)

Responsabilizzare gli altri( modifica | modifica fonte )

Condividete con gli altri ciò che avete imparato. Ecco alcuni esempi di modi per farlo(3):

  • Organizzate dei journal club o discussioni di casi
    • Partecipate a questi, se già esistono nel vostro contesto specifico
    • Contribuite attivamente a queste sessioni
    • Se non ci sono journal club, iniziatene uno, siate il cambiamento!
    • I journal club possono essere online o di persona
      • Unitevi alla Comunità di riabilitazione di USAID e ReLAB-HS qui. Il sito è gratuito e l’iscrizione richiede solo pochi istanti. Una volta iscritti, c’è un journal club (oltre ad altri gruppi) a cui è possibile partecipare e discutere con altri professionisti della riabilitazione.
      • Xia et al.(6) hanno riferito che l’integrazione dei journal club ha promosso la fiducia degli studenti nelle abilità correlate alla pratica basata sulle evidenze.
  • Scrivete dei blog post(7)
    • Suggerimenti per i blog post:
      • Condividete alcuni siti web di valore che avete scoperto
      • Condividete ciò che avete appreso dal processo di pratica basata sulle evidenze
      • Evidenziate come avete seguito il processo di pratica basata sulle evidenze con un caso specifico
      • Condividete alcune delle nuove abilità che avete acquisito
  • Realizzate dei video(7)
    • Trovate delle piattaforme in cui possiate essere intervistati, registrare le tecniche, condividere le misure di outcome e mostrare le nuove brillanti abiilità che avete acquisito
  • Podcast(7)
    • Contribuite ai podcast come esperti o come intervistatori
  • Contribuite a corsi e/o webinar, collaborate con organizzazioni o associazioni e condividete le vostre conoscenze
  • Pubblicate dei casi studio

Citazioni(edit | edit source)

  1. 1.0 1.1 1.2 1.3 Hoffmann T, Bennett S, Del Mar C. Evidence-based practice across the health professions. Elsevier Health Sciences; 2023.
  2. Herbert R, Jamtvedt G, Hagen KB, Elkins MR. Practical Evidence-Based Physiotherapy. Elsevier Health Sciences; 2022.
  3. 3.0 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 Olivier, B. Practical Examples of Evidence-Based Practice.Course. Plus. 2024.
  4. OCEBM Levels of Evidence Working Group*. “The Oxford Levels of Evidence 2”.Oxford Centre for Evidence-Based Medicine. https://www.cebm.ox.ac.uk/resources/levels-of-evidence/ocebm-levels-of-evidence *OCEBM Levels of Evidence Working Group = Jeremy Howick, Iain Chalmers (James Lind Library), Paul Glasziou, Trish Greenhalgh, Carl Heneghan, Alessandro Liberati, Ivan Moschetti, Bob Phillips, Hazel Thornton, Olive Goddard and Mary Hodgkinson
  5. Crawford CL, Rondinelli J, Zuniga S, Valdez RM, Tze‐Polo L, Titler MG. Barriers and facilitators influencing EBP readiness: Building organizational and nurse capacity. Worldviews on Evidence‐Based Nursing. 2023 Feb;20(1):27-36.
  6. Xia R, Morris S, Klappa SG, Colgrove Y. A Longitudinal Study of Journal Club to Enhance Physical Therapy Students’ Research Appraisal Skill for Evidence-Based Practice-A Mixed-Methods Study. Journal of allied health. 2023 Sep 6;52(3):113-22.
  7. 7.0 7.1 7.2 Patrick M, Venkatesh RD, Stukus DR. Social media and its impact on health care. Annals of Allergy, Asthma & Immunology. 2022 Feb 1;128(2):139-45.


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili