Deviazioni del passo associate a sindromi dolorose del bacino e del ginocchio

Redattrice originale Stacy Schiurring sulla base del corso di Damien Howell

Collaboratori principaliStacy Schiurring, Kim Jackson, Lucinda Hampton e Jess Bell

Introduzione(edit | edit source)

Questo articolo tratta delle deviazioni del passo associate a sindromi dolorose del bacino e del ginocchio. Sebbene queste informazioni si concentrino su alcune regioni del corpo, ricordate che il corpo umano funziona all’interno di una catena cinetica. Nessun movimento è mai completamente isolato e privo di effetti su un altro.(1)

Per una revisione del ciclo del passo, si prega di consultare questo articolo. Per una panoramica sulle deviazioni del passo, si prega di consultare questo articolo. Per rivedere la terminologia e le definizioni comuni del passo, si prega di consultare questo articolo.

Gait cycle.jpg

Sindromi dolorose e deviazione del passo( modifica | fonte edit )

Le deviazioni del passo sono probabilmente correlate allo sviluppo di e/o associate a sindromi muscolo-scheletriche dolorose. Spesso è il disturbo di un dolore a condurre il paziente alla fisioterapia. Il ruolo del fisioterapista è quello di educare il paziente sull’eziologia del proprio dolore, trattando e correggendo al contempo la deviazione del passo che è stata identificata.(1)

Una deviazione del passo è un’anomalia del ciclo del passo che può interessare il tronco, l’anca, il ginocchio o la caviglia. Le deviazioni del passo possono derivare dall’avanzare dell’età e/o da alcune patologie. Queste patologie possono essere di natura muscolo-scheletrica o neurologica.(2) Le deviazioni del passo possono avere un impatto enorme sulla qualità della vita, sulla morbilità e sulla mortalità del paziente.(3)

Le deviazioni del passo più comunemente osservate nelle sindromi dolorose comprendono:(1)

  1. Diminuzione della velocità di camminata (deviazione del passo più frequente nei pazienti con deficit neurologici)
  2. Diminuzione dell’oscillazione verticale del centro di massa
  3. Ritardo nel distacco del tallone

Velocità di camminata, il sesto segno vitale( modifica | fonte edit )

Secondo un articolo di Fritz del 2009,(4) la velocità di camminata (cioè la velocità del passo) è “una misura quasi perfetta”. La velocità di camminata autoselezionata dal paziente è risultata essere una misura affidabile, valida, sensibile e specifica che si correla con la capacità funzionale e la fiducia nell’equilibrio.(4)

“La velocità di camminata, come la pressione arteriosa, potrebbe essere un indicatore generale in grado di prevedere eventi futuri e di riflettere vari processi fisiologici sottostanti. La velocità di camminata non può essere l’unico predittore delle capacità funzionali, così come la pressione arteriosa non è l’unico segno di malattie cardiache. La velocità di camminata può essere utilizzata come un “segno vitale” funzionale per aiutare a determinare outcome come lo stato funzionale, il luogo di dimissione e la necessità di riabilitazione”.(4)

Applicazioni della velocità di camminata come misura clinica:(4)

  1. Ha il potenziale di prevedere lo stato di salute e il declino funzionale futuri
  2. Può essere utilizzata per prevedere la futura ospedalizzazione, il luogo di dimissione e la mortalità dei pazienti
  3. Riflette i cambiamenti funzionali e fisiologici del paziente
  4. È un fattore che determina il potenziale di riabilitazione
  5. Aiuta a prevedere le cadute e la paura di cadere
  6. La progressione della velocità di camminata è stata collegata a cambiamenti clinicamente significativi nella qualità della vita

Secondo Fritz et al., del 2009, la velocità media di camminata degli adulti in età geriatrica è di 1-1,4 m/sec.(4) La velocità media di camminata ideale negli adulti sani, fino ai 59 anni di età, è di 1,4 m/sec.(5) Ciò suggerisce che una velocità del passo anormale viene misurata a un passo più lento di 1-1,4 m/sec.(1)

La lunghezza media della falcata negli adulti sani è compresa tra 150 e 170 cm. La cadenza media nei giovani adulti è compresa tra 115 e 120 passi/min. Gli adulti in età geriatrica preferiscono un gradino più largo del 40% rispetto agli adulti più giovani. Uno studio del 2017 ha rilevato che l’invecchiamento è “associato a un declino della velocità di camminata e della lunghezza del passo, mentre la cadenza rimane relativamente stabile”.(5)

Per una discussione approfondita sulla velocità di camminata e su come misurarla in clinica con il test del cammino dei 10 metri, si prega di guardare il video seguente.

(6)

Forze di reazione al suolo( modifica | fonte edit )

Esempio di forza di reazione al suolo verticale.

La forza di reazione al suolo è la somma di tutte le forze trasmesse dal terreno al corpo.(1) La forza di reazione al suolo è influenzata da tutte le direzioni: verticale, anteriore-posteriore e mediale-laterale. Queste forze vengono tipicamente misurate e registrate utilizzando una pedana di forza tridimensionale.(7)(8)

Esempio di forza di reazione al suolo antero-posteriore.

Durante il cammino, la forza di reazione al suolo verticale è la componente più grande della forza di reazione al suolo totale. Questo crea forze superiori al peso corporeo totale di una persona per ogni passo. La curva tracciata nel grafico della forza di reazione al suolo verticale è costituita da due picchi: la forza d’impatto(1) o picco passivo (accettazione del peso quando il tallone colpisce il suolo) e il picco attivo (fase di spinta).(7) (9) Il picco passivo è causato dalla spinta del piede contro il terreno, mentre il picco attivo è causato dalla forza attiva applicata dal piede per allontanarsi dal terreno. La forza di reazione al suolo antero-posteriore comprende il picco di frenata e il picco di propulsione.(7) Gli schemi unici di questi picchi illustrano le forze di carico sulle articolazioni e sui muscoli dell’arto inferiore. Queste forze percepite in tutto l’arto possono influenzare lo sviluppo o l’esacerbazione di lesioni muscolo-scheletriche da overuse o di lesioni da stress.(9)(10)

Quando si interpreta una curva di reazione al suolo, più la curva è ripida più le forze d’impatto sono significative. La curva sulla curva antero-posteriore (le forze frenanti) sarà negativa. In generale, maggiori sono le forze, maggiore è il rischio di lesioni da stress o da overuse.(1)(10)

Si prega di guardare il video seguente che offre una panoramica rapida ma dettagliata delle forze di reazione al suolo durante il ciclo del passo umano. Questo video fornisce un’eccellente visualizzazione di come le forze di reazione al suolo si spostano in diverse direzioni mentre la persona si muove nello spazio.

(11)

Deviazioni del passo(1)( modifica | fonte di modifica )

Deviazione del passo Schema di movimento normale Schema di movimento deviante Segni secondari associati a movimenti devianti
Aumento dell’oscillazione verticale del centro di massa

  • “Troppo movimento su e giù”
Scegliere un punto fisso come la sommità del capo, l’osso sacro o la linea della cintura. Confrontare il punto più alto durante la fase di oscillazione con il punto più basso durante la fase di appoggio.

  • Quando si corre: 6-8 cm o 2-3 pollici è normale(12)
  • Quando si cammina: 9,5 cm o 3,5 pollici è normale(13)
  • Andatura saltellante
  • È considerato anormale se la diminuzione dell’ampiezza dell’oscillazione verticale del centro di massa diminuisce o elimina i sintomi del dolore
  • Aumento del tempo di volo nella corsa
  • Un contatto del piede pesante
  • Vibrazioni extra durante la corsa su tapis roulant
  • Distacco precoce del tallone
Diminuzione dell’oscillazione verticale del centro di massa Come sopra
  • Andatura strascicata
  • Aumento del tempo in posizione bipodalica
  • Velocità di camminata lenta, inferiore a un metro/secondo
  • Aumento della cadenza, superiore a 120 passi/minuto
  • Distacco ritardato o tardivo del tallone
  • Rischio di caduta
Collasso del bacino controlaterale Durante la fase di appoggio, una linea tracciata tra le spine iliache postero-superiori (SIPS) dovrebbe deviare non più di quattro gradi verso il basso Durante la fase di appoggio, la linea tra le SIPS devierà inferiormente di oltre quattro gradi

  • Può essere correlato a una gamba anatomicamente lunga durante la fase di appoggio
  • Spostamento laterale del bacino
  • Assenza di “luce del giorno” tra le cosce e le ginocchia
  • Il contatto del piede avviene attraverso la linea mediana del corpo
  • Piega cutanea poplitea obliqua
  • Eccessiva rotazione interna mediale del femore
  • Eccessiva pronazione
Elevazione del bacino controlaterale

cioè: hiking (sollevamento) dell’anca o del bacino

Durante la fase di appoggio, una linea tracciata tra le spine iliache postero-superiori (SIPS) dovrebbe deviare non più di quattro gradi verso l’alto Durante la fase di appoggio, la linea tra le SIPS devierà superiormente di oltre quattro gradi

  • Si riscontra comunemente in pazienti con disabilità neurologiche
  • Inclinazione del tronco dal lato omolaterale
  • Ciconduzione dell’arto inferiore controlaterale durante la fase di oscillazione
Mancanza di separazione delle ginocchia

  • “assenza di luce del giorno” tra le cosce o le ginocchia
A meno che non sia il caso di un’obesità patologica, quando si cammina e si osserva da davanti o da dietro, dovrebbe esserci uno spazio o “luce del giorno” tra le ginocchia e le cosce Quando si cammina e si guarda da davanti o da dietro, si nota un’assenza di spazio o di “luce del giorno” tra le ginocchia o le cosce

  • Gamba anatomicamente corta
  • Collasso laterale del bacino
  • Spostamento laterale del bacino
  • Eccessiva rotazione mediale del femore
  • Piega cutanea poplitea obliqua
  • Ginocchio valgo
  • Eccessiva pronazione
Piede che attraversa la linea mediana Quando si cammina e si osserva da davanti o da dietro, il contatto del piede opposto dovrebbe essere visibile e non dovrebbe attraversare una linea verticale che va dall’ombelico al suolo

  • Quando si cammina, i piedi dovrebbero rimanere sul lato omolaterale della linea
  • Quando si corre, i piedi dovrebbero essere sulla linea
Quando si cammina e si osserva da dietro, il contatto del piede opposto non è visibile perché il piede attraversa la linea verticale

  • Può essere una compensazione per una gamba anatomicamente corta
  • Asimmetria nell’oscillazione del braccio
  • Asimmetria nella rotazione del tronco
Piega cutanea poplitea

  • Eccessiva rotazione mediale del femore
Se si osserva da dietro durante la fase di appoggio, la piega cutanea sul retro del ginocchio dovrebbe essere orizzontale Se si osserva da dietro, la piega cutanea sarà obliqua da superiore-laterale a inferiore-mediale (il che indica un movimento eccessivo del femore in rotazione mediale)

  • Forse a causa di una gamba anatomicamente lunga
  • Collasso del bacino
  • Spostamento laterale del bacino
  • “Assenza di luce del giorno” tra le ginocchia
  • Ginocchio valgo
  • Andatura in punta di piedi
  • Colpo di tacco
  • Eccessiva pronazione
Thrust in varo Durante la fase di appoggio, se si osserva da davanti o da dietro, la deviazione laterale/mediale o la traslazione del ginocchio dovrebbero essere minime o assenti Durante la fase di appoggio, se si osserva da davanti o da dietro, si verifica una deviazione laterale del ginocchio ad alta velocità e piccola ampiezza, con un rapido ritorno all’allineamento neutro
  • Eccessiva inclinazione laterale del tronco
  • Tempo di appoggio disuguale
  • Oscillazione asimmetrica del braccio

Sindromi dolorose associate a deviazioni del passo(1)( modifica | fonte edit )

Deviazione del passo Dolore associato

e sindromi dolorose

Aumento dell’oscillazione verticale del centro di massa

  • “Troppo movimento su e giù”
Diminuzione dell’oscillazione verticale del centro di massa
  • Rischio di caduta
  • Mal di schiena
Collasso del bacino controlaterale
  • Mal di schiena
  • Lesioni al labbro dell’anca
  • Tendinopatia glutea
  • Sindrome del piriforme
  • Dolore al ginocchio anteriore e/o laterale
  • Artralgia femoro-rotulea
  • Sindrome della bandelletta ileo-tibiale
  • Sindrome da stress tibiale mediale
  • Dolore alla caviglia
  • Dolore al tendine d’Achille
  • Dolore al tallone plantare
Elevazione del bacino controlaterale
Mancanza di separazione delle ginocchia

  • “Assenza di luce del giorno” tra le cosce o le ginocchia
  • Tendinopatia glutea
  • Dolore al ginocchio laterale
  • Sindrome della bandelletta ileo-tibiale
  • Osteoartrosi del ginocchio
  • Sindrome da stress tibiale mediale
  • Dolore al tendine tibiale posteriore
  • Dolore al tendine d’Achille
  • Sindrome dolorosa al tallone plantare
Piede che attraversa la linea mediana
  • Tendinopatia glutea
  • Osteoartrosi dell’anca
  • Dolore al ginocchio anteriore e/o laterale
  • Artrosi femoro-rotulea
  • Sindrome da stress tibiale mediale
  • Dolore al tendine d’Achille
  • Sindrome dolorosa al tallone plantare
Piega cutanea poplitea

  • Eccessiva rotazione mediale del femore
  • Tendinopatia glutea
  • Sindrome del piriforme
  • Borsite trocanterica
  • Dolore al ginocchio anteriore e laterale
  • Artralgia femoro-rotulea
  • Dolore al tendine d’Achille
  • Metatarsalgia
Thrust in varo
  • Osteoartrosi del ginocchio
  • Instabilità legamentosa
  • Dolore al ginocchio laterale
  • Sindrome della bandelletta ileo-tibiale

Risorse(edit | edit source)

Video consigliati sulle deviazioni del passo:

  • Deviazioni del passo: anca, bacino, tronco

(14)

  • Deviazioni del passo: articolazione del ginocchio

Articoli di giornale consigliati:

Risorse cliniche:

Citazioni(edit | edit source)

  1. 1.0 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.8 Howell, D, Gait Deviation Associated with Pain Syndromes in the Pelvis and Knee. Gait Analysis. Plus. 2022
  2. Vazquez-Galliano J, Kimawi I, Chang L. Biomechanic of Gait and Treatment of Abnormal Gait Patterns. (2020)
  3. Ataullah AHM, De Jesus O. Gait Disturbances. (Updated 2021 Feb 7). In: StatPearls (Internet). Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan Available:https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK560610/(accessed 30/05/2022)
  4. 4.0 4.1 4.2 4.3 4.4 Fritz S, Lusardi M. White paper:“walking speed: the sixth vital sign”. Journal of geriatric physical therapy. 2009 Jan 1;32(2):2-5.
  5. 5.0 5.1 Pirker W, Katzenschlager R. Gait disorders in adults and the elderly. Wiener Klinische Wochenschrift. 2017 Feb;129(3):81-95.
  6. YouTube. Why does your WALKING SPEED matter? (Walk Talk – Episode 1) | Mission Gait. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=aFsjfZH6VTk (last accessed 30/05/2022)
  7. 7.0 7.1 7.2 Yu L, Mei Q, Xiang L, et al. Principal Component Analysis of the Running Ground Reaction Forces With Different Speeds. Front. Bioeng. Biotechnol.. 2021; 9:629809.
  8. Tesio, L., & Rota, V. (2019). The Motion of Body Center of Mass During Walking: A Review Oriented to Clinical Applications. Front Neurol, 10, 999.
  9. 9.0 9.1 Jiang X, Napier C, Hannigan B, Eng JJ, Menon C. Estimating vertical ground reaction force during walking using a single inertial sensor. Sensors. 2020 Jan;20(15):4345.
  10. 10.0 10.1 Lewis CL, Halverstadt AL, Graber KA, Perkins Z, Keiser E, Belcher H, Khuu A, Loverro KL. Individuals With Pre-arthritic Hip Pain Walk With Hip Motion Alterations Common in Individuals With Hip OA. Frontiers in Sports and Active Living. 2021;3.
  11. JYouTube. Ground Reaction Force During the Gait Cycle | Alexandra Kopelovich.
    Available from: https://www.youtube.com/watch?v=Y2RHvicAM2o (last accessed 29/05/2022)
  12. Souza RB. An evidence-based videotaped running biomechanics analysis. Physical Medicine and Rehabilitation Clinics. 2016 Feb 1;27(1):217-36.
  13. Bogey RA, Barnes LA, Perry J. Computer algorithms to characterize individual subject EMG profiles during gait. Archives of physical medicine and rehabilitation. 1992 Sep 1;73(9):835-41.
  14. JYouTube. Gait Deviations: Hip, Pelvis, Trunk | Alexandra Kopelovich.
    Available from: https://www.youtube.com/watch?v=N_zt5fC6SOE (last accessed 30/05/2022)
  15. JYouTube. Gait Deviations: Compensatory Knee Joint Strategies | Alexandra Kopelovich.
    Available from: https://www.youtube.com/watch?v=Jz8ko_uVWII (last accessed 30/05/2022)
  16. JYouTube. Gait Deviations: Knee Joint Complex Secondary to Knee Joint Dysfunction | Alexandra Kopelovich.
    Available from: https://www.youtube.com/watch?v=T4SdJxzPdUo (last accessed 30/05/2022)


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili