Accesso alle tecnologie assistive

Redattrice principale Robin Tacchetti Contributori principaliRobin Tacchetti, Jess Bell e Lucinda Hampton

Introduzione(edit | edit source)

La tecnologia assistiva (TA) è un termine ampio che comprende i dispositivi che aiutano le persone con disabilità a migliorare la loro funzione e a vivere in modo più indipendente. Le categorie piùcomuni di TA comprendono: vista, udito, comunicazione, mobilità, cura di sé e cognizione. Oltre un miliardo di persone nel mondo ha bisogno di una o più TA. Si prevede che questo numero aumenterà fino a superare i 2 miliardi entro il 2050 come conseguenza dell’aumento dei tassi di malattie non trasmissibili e dell’invecchiamento della popolazione.(1) Senza l’uso di tecnologie assistive, l’impatto della disabilità e della malattia aumenta poiché queste persone spesso si sentono isolate ed escluse dalla società.(2)

Le persone che beneficerebbero dalla TA includono:

Paesi a basso reddito( modifica | fonte edit )

La disabilità e la povertà sono collegate in un ciclo in cui la disabilità può portare alla povertà e viceversa.(3) I paesi a basso reddito (LIC) hanno la più alta popolazione di persone disabili e sono quelle che più probabilmente non hanno accesso alle tecnologie assistive.(4) Molte persone in questi paesi non sono a conoscenza della TA e di come il suo utilizzo possa contribuire a migliorare la loro condizione. Una volta che le persone vengono a conoscenza della TA, potrebbero dover aspettare molti anni prima che diventi accessibile per loro.(4) Inoltre, le persone che vivono nei paesi a basso reddito generalmente non hanno una copertura sanitaria e devono fare affidamento sulle spese vive sostenute dalle loro famiglie o dalle ONG per qualsiasi TA.(5) L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che il 90% delle persone che potrebbero trarre beneficio dalle tecnologie assistive non vi hanno accesso. Le statistiche che confermano queste informazioni sono riportate di seguito:

  • Il 5-15% dei 70 milioni di persone che hanno bisogno di una sedia a rotelle vi ha accesso
  • Il 5% dei 40 milioni di amputati che hanno bisogno di protesi vi ha accesso
  • Il 10% della popolazione mondiale che ha bisogno di apparecchi acustici vi ha accesso – nei paesi a basso reddito solo il 3%
  • 200 milioni di persone ipovedenti non hanno accesso agli occhiali o ad altri dispositivi per la vista (1)

Il video qui sotto, realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dimostra come la tecnologia assistiva possa cambiare la vita delle persone:

Accesso alla tecnologia( modifica | modifica fonte )

Di seguito sono riportati i rilevamenti principali dell’Institute of Developmental Studies relativi alle tecnologie assistive e ai paesi a basso reddito:

  • Accesso e bisogni:
    • Mancanza generale di conoscenza, di governance e di personale, con conseguenti costi elevati e disponibilità limitata
    • Disuguaglianze nell’accesso alle TA vengono riscontrate in persone di diverse culture, disabilità, sesso, età ed economia
  • Disponibilità:
    • La maggior parte della TA disponibile si trova in contesti ad alto reddito
    • L’offerta è scarsa nei paesi con poche risorse
    • I piccoli produttori e fornitori di TA nei paesi a basso reddito non sono in grado di soddisfare l’elevata domanda
  • Accessibilità economica:
    • Il costo può essere proibitivo
    • La manutenzione e altri costi indiretti rappresentano ulteriori costi per l’utente
  • Design:
    • Il design deve essere adeguato all’utente e all’ambiente/contesto in cui lo utilizzerà
  • Consapevolezza:
    • C’è un circolo vizioso in cui la mancanza di consapevolezza riguardo alla TA che potrebbe essere utile porta a una scarsa richiesta e a poca motivazione nell’aumentare l’offerta (1)

Soluzioni(edit | edit source)

Per combattere i problemi legati all’inaccessibilità delle tecnologie assistive nei paesi a basso reddito, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sviluppato un piano d’azione denominato Global Cooperation on Assistive Technology (GATE). La missione dell’OMS è quella di aiutare gli stati membri a migliorare l’accesso ai dispositivi di assistenza che sono culturalmente appropriati e adattati alle esigenze degli utenti.(6) Secondo Tangcharoensathien et al.,(7) la struttura GATE prevede quattro soluzioni mirate a migliorare l’accesso alle TA:

  1. Supporto finanziario adeguato da parte di una struttura politica nazionale
  2. Strategie di incentivazione alla ricerca e allo sviluppo per incoraggiare la TA a prezzi accessibili
  3. Sviluppo delle capacità attraverso la formazione di caregiver, laureati e operatori sanitari
  4. Integrazione del sistema sanitario per migliorare la fornitura dei servizi (7)

Uno dei primi passi del programma GATE è stato quello di sviluppare una lista di ausili tecnici prioritari (APL) che comprende 50 ausili prioritari sulla base dell’impatto sulla vita di una persona e del bisogno diffuso.(6) Questi 50 prodotti dovrebbero essere disponibili per i cittadini di qualsiasi nazione attraverso una copertura sanitaria universale.(8) L’elenco comprende prodotti high-tech e low-tech per problematiche che riguardano l’udito, la vista, la cura della persona, la comunicazione, la cognizione e la mobilità. L’OMS incoraggia ogni paese a sviluppare la propria lista di fabbisogni, che includa articoli che siano accessibili ed economicamente vantaggiosi e che soddisfino gli standard minimi di qualità e sicurezza.(6)(8)

Il video dell’OMS qui sotto descrive la necessità di accessibilità agli ausili e la lista di ausili tecnici prioritari:

Altre soluzioni( modifica | modifica fonte )

Per avere successo, la lista di ausili tecnici prioritari deve avere il sostegno della legislazione, delle risorse e del personale. L’OMS ha sviluppato cinque strumenti aggiuntivi per gli stati membri, in concomitanza con lista di ausili tecnici prioritari, affinché questa possa avere il miglior outcome possibile. Questi cinque strumenti sono elencati di seguito:

  1. Politica: struttura politica per le tecnologie assistive
    • Meccanismi di finanziamento per facilitare un’accesso universale
    • Guida nella formazione, nel servizio e negli standard della lista degi ausili tecnici prioritari
    • Monitoraggio e valutazione dei programmi
  2. Personale: pacchetto di formazione sugli ausili
    • Formazione del personale sanitario e di riabilitazione esistente
    • Formazione dei caregiver
    • Sviluppo di capacità con gli stati membri per la formazione specialistica
    • La formazione prevede quattro fasi: valutazione, adattamento, formazione e follow-up
  3. Fornitura: modello per l’erogazione del servizio di ausili
    • Infrastrutture correlate ai centri di rinvio all’assistenza sanitaria primaria necessari per accedere alla TA (9)
  4. Persone
    • Sensibilizzazione sulle tecnologie assistive
    • Renderle culturalmente appropriate
    • Coinvolgimento utenti e famiglie
  5. Prodotti: sviluppo di una lista di ausili tecnici prioritari
    • Riparazione e ricondizionamento di prodotti
    • Ricerca e sviluppo

Risorse(edit | edit source)

Citazioni(edit | edit source)

  1. 1.0 1.1 1.2 Rohwerder B. Assistive technologies in developing countries. 2018
  2. 2.0 2.1 Assistive technology factsheet. Geneva: World Health Organization; 2018 (https://www.who.int/en/news-room/fact-sheets/detail/assistive-technology, accessed 24 may 2021).
  3. Bright T, Wallace S, Kuper H. A systematic review of access to rehabilitation for people with disabilities in low-and middle-income countries. International journal of environmental research and public health. 2018 Oct;15(10):2165.
  4. 4.0 4.1 Karki J, Rushton S, Bhattarai S, De Witte L. Access to assistive technology for persons with disabilities: a critical review from Nepal, India and Bangladesh. Disability and Rehabilitation: Assistive Technology. 2021 May 14:1-9.
  5. Cote A. Social protection and access to assistive technology in low-and middle-income countries. Assistive Technology. 2021 Dec 1;33(sup1):S102-8.
  6. 6.0 6.1 6.2 Boot FH, Owuor J, Dinsmore J, MacLachlan M. Access to assistive technology for people with intellectual disabilities: A systematic review to identify barriers and facilitators. Journal of Intellectual Disability Research. 2018 Oct;62(10):900-21.
  7. 7.0 7.1 Tangcharoensathien V, Witthayapipopsakul W, Viriyathorn S, Patcharanarumol W. Improving access to assistive technologies: challenges and solutions in low-and middle-income countries. WHO South-East Asia journal of public health. 2018 Jul 1;7(2):84.
  8. 8.0 8.1 Smith EM, Ebuenyi ID, Kafumba J, Jamali-Phiri M, MacLachlan M, Munthali A. An overview of assistive technology products and services provided in Malawi. Disability and Rehabilitation: Assistive Technology. 2020 Nov 24:1-5.
  9. World Health Organization. Priority Assistive Products List: Improving access to assistive technology for everyone, everywhere. World Health Organization; 2016.


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili