Rafforzare la riabilitazione in contesti con poche risorse

Redattrice principaleStacy Schiurring sulla base del corso di Cliona O’Sullivan
Contributori principaliStacy Schiurring, Tarina van der Stockt, Kim Jackson, Jess Bell e Ewa Jaraczewska

Introduzione(edit | edit source)

La riabilitazione ha un ruolo nei sistemi sanitari, ma avrà bisogno di partnership e collaborazione su scala globale per rafforzare la sua disponibilità nei contesti con poche risorse.(1) Per raggiungere questo obiettivo è necessario stabilire obiettivi raggiungibili, ricategorizzare il modo in cui la riabilitazione si inserisce nei sistemi sanitari e fornire supporto e infrastrutture per l’istruzione in riabilitazione e lo sviluppo professionale nelle aree con risorse medio-basse.(1)

United Nations Sustainable Development Goals( edit | edit source )

UN Sustainable Development Goals

Horton e Lo, nel loro articolo del 2013 sul Lancet, affermano che “lo sviluppo sostenibile riguarda tutti noi, non solo alcuni di noi. E si tratta di prendere la salute delle generazioni future con la stessa serietà con cui prendiamo la nostra”. (1)(2)

Le Nazioni Unite hanno creato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile come piano d’azione per “persone, pianeta e prosperità”.(3) Si sforza di creare una partnership globale stabilendo 17 Sustainable Development Goals (obiettivi di sviluppo sostenibile) per affrontare un’ampia gamma di questioni, come porre fine alla povertà, stimolare la crescita economica, migliorare la salute e l’istruzione e affrontare il cambiamento climatico.(4)

L’obiettivo di sviluppo sostenibile numero 3, o obiettivo di salute, mira a “garantire vite sane e promuovere il benessere a tutte le età”.(4) Gli obiettivi e gli indicatori per gli obiettivi di sviluppo sostenibile indicano tutti la riabilitazione come una componente critica per il raggiungimento degli obiettivi delineati, grazie all’attenzione della professione sull’ottimizzazione della funzione(5) e sulla promozione della salute.(6) (7) Ad esempio, l’obiettivo di sviluppo sostenibile 3.8 parla di copertura sanitaria universale, di cui la riabilitazione è una parte fondamentale.(1)

(8)

Panoramica dei sistemi sanitari( modifica | modifica fonte )

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), lo scopo principale di un sistema sanitario è migliorare la salute fornendo interventi preventivi, promozionali, curativi e riabilitativi in un modo che sia reattivo, finanziariamente equo e che tratti tutte le persone con rispetto.(9)

WHO Building Blocks Framework

Il Who Building Blocks Framework (la struttura degli elementi costitutivi dell’OMS) per il sistema sanitario descrive sei componenti di un sistema sanitario:(10)

  1. Erogazione del servizio
  2. Forza lavoro nel settore della salute
  3. Sistemi informativi sanitari
  4. Accesso ai farmaci essenziali
  5. Finanziamenti
  6. Leadership/governance

Secondo il manuale dell’OMS, la componente di leadership/governance fornisce la base per la politica generale e la regolamentazione delle altre componenti del sistema sanitario.(9)

Come la riabilitazione si inserisce nei sistemi sanitari( modifica | modifica fonte )

L’attenzione per la riabilitazione come parte dei sistemi sanitari globali è stata rinnovata, come dimostrano le iniziative della Rehabilitation 2030 dell’OMS.(1) Queste iniziative mettono in luce il profondo bisogno di riabilitazione in tutto il mondo. Esse sottolineano aanche il ruolo della riabilitazione negli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e la necessità di rafforzare il ruolo della riabilitazione nei sistemi sanitari(11)(12) per rispondere alle tendenze globali in materia di salute e invecchiamento. C’è un grande bisogno di riabilitazione, soprattutto perché il numero di persone affette da malattie croniche continua a crescere a livello globale. Ciò si percepisce particolarmente nei paesi a basso e medio reddito, dove oltre il 50% delle persone non riceve le cure di cui ha bisogno a causa di servizi di riabilitazione poco sviluppati.(1)(12) I dati sul carico globale delle malattie per il 2019 suggeriscono che 2,4 miliardi di persone in tutto il mondo avrebbero beneficiato della riabilitazione solamente in quell’anno(1)(13) e che una persona su tre vive attualmente con una condizione di salute che potrebbe beneficiare di una riabilitazione qualificata.(1)(12)

(14)

La strada da percorrere( modifica | fonte edit )

Aree chiave di crescita( modifica | modifica fonte )

Utilizzo degli obiettivi di sviluppo sostenibile e della WHO Rehabilitation Competency Framework (15) (Struttura delle competenze in riabilitazione fornita dall’OMS) come guida, la riabilitazione deve crescere e svilupparsi in aree chiave all’interno dei sistemi sanitari:(1)

Direzione(edit | edit source)

C’è bisogno di una leadership a tutti i livelli delle organizzazioni professionali di riabilitazione per difendere sia i pazienti che la professione. È necessario sensibilizzare sui servizi offerti dalla riabilitazione, che non è un servizio di lusso, ma piuttosto una componente fondamentale dell’assistenza sanitaria che ottimizza la funzione ed è incentrata sulla salute. L’istruzione e il tutoraggio sulla leadership dovrebbero essere un aspetto dei programmi di formazione in riabilitazione, sia nella formazione di base che sul posto di lavoro.(1)

Collaborazione trasversale( modifica | modifica fonte )

È necessario creare reti tra organismi professionali, ONG e istituzioni educative per sostenere la crescita della riabilitazione nei sistemi sanitari.(1) Un esempio di ciò è stato il SUDA project, il cui obiettivo era migliorare la capacità delle organizzazioni professionali di fisioterapia e migliorare gli standard educativi in fisioterapia in tre paesi africani, valutando e arricchendo i programmi di fisioterapia esistenti e fornendo le competenze e la formazione per continuare lo sviluppo una volta completato il progetto.(1)(16) Il progetto ha anche creato una rete di oltre 150 fisioterapisti di 12 paesi africani francofoni utilizzando WhatsApp per scambiarsi informazioni e supporto.(1)(16)

Aumentare la forza lavoro nella riabilitazione( modifica | modifica fonte )

Forse la sfida più grande al rafforzamento della riabilitazione all’interno dei sistemi sanitari è la mancanza di professionisti della riabilitazione formati nei paesi con poche risorse. Il Niger nell’Africa occidentale, ad esempio, ha una popolazione totale di 20 milioni di persone, ma solo 48 fisioterapisti registrati; in Etiopia, con una popolazione di 100 milioni di persone, ci sono solo circa 200 fisioterapisti formati.(1) Con l’aumento del bisogno di riabilitazione, la necessità di espandere la formazione della forza lavoro, di rafforzare e adattare le misure di regolamentazione e di garanzia della qualità diventa più urgente, soprattutto nelle regioni con poche risorse.(15) Per ampliare la forza lavoro nella riabilitazione nei sistemi sanitari con poche risorse, la riabilitazione deve essere sostenuta dai governi locali e internazionali e dalle organizzazioni professionali(1) per migliorare:

  1. Istruzione: istituire e sostenere scuole di fisioterapia forti in regioni con poche risorse; sviluppare partnership con scuole di fisioterapia in paesi ad alto reddito per creare una società globale per l’apprendimento e lo sviluppo delle risorse a vantaggio reciproco di entrambe le parti.(1)
  2. Supporto e sviluppo professionale: sviluppo di partnership tra ONG e università per sostenere i programmi di formazione dei terapisti della riabilitazione di livello medio.(1)
  3. Disponibilità di posti di lavoro: è necessario un impegno per l’assunzione dei laureati da parte di enti governativi come il Ministero della Salute o il Ministero dell’Istruzione.(1)
  4. Struttura delle competenze: creata dall’OMS, la struttura delle competenze in riabilitazione delinea le competenze e le attività chiave per i professionisti della riabilitazione in cinque domini: (1) pratica, (2) professionalità, (3) apprendimento e sviluppo, (4) gestione e leadership e (5) ricerca.(1) Le strutture delle competenze sono strumenti preziosi per allineare la forza lavoro alle esigenze della popolazione servita, supportando l’istruzione e la formazione basate sulle competenze, gli standard normativi e lo sviluppo di strumenti per la valutazione delle prestazioni. La struttura può essere adattata alle esigenze di riabilitazione della popolazione servita.(1)(15)
Erogazione dei servizi di riabilitazione:( modifica | modifica fonte )

La struttura AAAQ viene spesso utilizzata per descrivere l’erogazione dei servizi sanitari e noi utilizzeremo questo modello per esaminare la riabilitazione nei sistemi sanitari.(1)

  1. Availability (disponibilità): nei paesi con poche risorse, i servizi di riabilitazione sono spesso pochi o assenti. Quando è disponibile, la riabilitazione è spesso concentrata nei centri urbani o è fornita da ONG, il che significa che i servizi non sono integrati nel sistema sanitario locale.(1)
  2. Accessibility (accessibilità): l’accesso può essere limitato dalle spese, dalla necessità di pagare di tasca propria o da lunghi tempi di attesa.(1) La specialista nel tema Cliona O’Sullivan cita uno studio che ha esaminato l’accesso delle persone con amputazione in ambienti di conflitto e ha rilevato che il ritardo tra l’amputazione e la possibilità di accedere ai servizi di riabilitazione era di 8,2 anni per le persone con amputazione traumatica e di 3 anni per le persone con amputazione dovuta a cause non traumatiche.(1)(17)
  3. Acceptability (accettabilità): i servizi di riabilitazione devono essere eticamente e culturalmente appropriati alle popolazioni che servono.(1) La specialista nel tema Cliona O’Sullivan cita uno studio che ha esaminato 30 anni di dati relativi a oltre 280.000 utenti dei servizi e ha rilevato che un numero minore di donne e ragazze ha partecipato alla riabilitazione, considerando tutte le condizioni di salute. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere l’esclusione delle donne e delle ragazze dai servizi di riabilitazione, in quanto influisce sul loro potenziale e ha un impatto negativo sulle loro famiglie e sulle comunità.(1)(17)
  4. Quality (qualità): alla base della qualità dei servizi di riabilitazione c’è la pratica basata sulle evidenze. Purtroppo, c’è una discrepanza tra i luoghi in cui viene condotta la ricerca sulla riabilitazione, e relativamente poco viene fatto in contesti con poche risorse.(1) Una revisione sistematica del 2020 sugli interventi per le persone con ictus nei paesi a basso e medio reddito ha trovato solo 62 studi, 44 dei quali condotti in India.(1)(18) Questo dato esemplifica la mancanza di ricerche sulla riabilitazione condotte in contesti a basso e medio reddito. Un altro fattore che limita la qualità della riabilitazione è l’impossibilità di accedere a ricerche significative. Ciò potrebbe essere dovuto alla mancanza di pertinenza con il contesto, gli articoli/ricerche potrebbero essere bloccati da un muro rappresentato dai costi o potrebbe esserci una barriera linguistica in termini di lettura della ricerca e di traduzione delle conoscenze.(1)

Conclusioni(edit | edit source)

È un momento entusiasmante per essere dei professionisti della riabilitazione, poiché c’è una rinnovata attenzione per rafforzare e promuovere la riabilitazione in tutto il mondo all’interno dei sistemi sanitari. I professionisti della riabilitazione, in particolare i fisioterapisti, dovrebbero essere i leader sanitari negli interventi non invasivi per la prevenzione, il benessere, l’educazione alla salute e il mantenimento fisico contro le principali cause di morte prematura a livello globale.(1)(6) La natura della pratica fisioterapica è economicamente vantaggiosa, altamente etica e basata sulle evidenze. Queste caratteristiche fanno sì che questa professione sia in grado di influenzare positivamente gli outcome di queste condizioni. La formazione di base in fisioterapia dovrebbe allinearsi a queste tendenze per preparare i nuovi terapisti a realizzare collettivamente un cambiamento globale attraverso azioni locali.(6) Un piano d’azione globale per la fisioterapia dovrebbe includere la promozione della salute e del benessere nella pratica fisioterapica. La pratica incentrata sulla salute dovrebbe essere una priorità e dovrebbe essere sviluppata come competenza clinica.(6) (7) L’ottimizzazione della funzione è un obiettivo di salute globale e la fisioterapia è particolarmente adatta a rispondere a questa esigenza.(5)

Concentrandosi sugli obiettivi di sviluppo sostenibile e utilizzando la struttura dell’OMS è possibile garantire una buona salute e promuovere il benessere per tutti.(1) Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno l’interazione dei fattori culturali e sociali per consentire a tutti l’accesso completo alla riabilitazione all’interno dei sistemi sanitari.(17)

Risorse(edit | edit source)

Articoli correlati:

Ulteriori letture e risorse suggerite dalla specialista nel tema:

Ulteriore visualizzazione:

(19)

Citazioni(edit | edit source)

  1. 1.00 1.01 1.02 1.03 1.04 1.05 1.06 1.07 1.08 1.09 1.10 1.11 1.12 1.13 1.14 1.15 1.16 1.17 1.18 1.19 1.20 1.21 1.22 1.23 1.24 1.25 1.26 1.27 1.28 1.29 1.30 O’Sullivan C, Partnership and Collaboration to Strengthen Rehabilitation in Low-resources Settings. Strengthening Rehabilitation in Low-Resource Settings. Plus. 2021.
  2. Horton R, Lo S. Investing in health: why, what, and three reflections. The Lancet. 2013;382(9908):1859-1861.
  3. United Nations.Transforming our world: the 2030 Agenda for Sustainable Development. 2015 (cited 2021.11.01); Available from: https://sdgs.un.org/2030agenda
  4. 4.0 4.1 United Nations. Sustainable Development Goal 3. 2017 (cited 2021.10.29); Available from: https://sustainabledevelopment.un.org/sdg3.
  5. 5.0 5.1 Heinemann AW, Feuerstein M, Frontera WR, Gard SA, Kaminsky LA, Negrini S, Richards LG, Vallée C. Rehabilitation Is a Global Health Priority. Arch Phys Med Rehabil. 2020 Apr;101(4):728-729.
  6. 6.0 6.1 6.2 6.3 Dean E, Al-Obaidi S, De Andrade AD, Gosselink R, Umerah G, Al-Abdelwahab S, Anthony J, Bhise AR, Bruno S, Butcher S, Fagevik-Olsén M, Frownfelter D, Gappmaier E, Gylfadóttir S, Habibi M, Hanekom S, Hasson S, Jones A, LaPier T, Lomi C, Mackay L, Mathur S, O’Donoghue G, Playford K, Ravindra S, Sangroula K, Scherer S, Skinner M, Wong WP. The First Physical Therapy Summit on Global Health: implications and recommendations for the 21st century. Physiother Theory Pract. 2011 Nov;27(8):531-47.
  7. 7.0 7.1 Dean E, de Andrade AD, O’Donoghue G, Skinner M, Umereh G, Beenen P, Cleaver S, Afzalzada D, Delaune MF, Footer C, Gannotti M, Gappmaier E, Figl-Hertlein A, Henderson B, Hudson MK, Spiteri K, King J, Klug JL, Laakso EL, LaPier T, Lomi C, Maart S, Matereke N, Meyer ER, M’kumbuzi VR, Mostert-Wentzel K, Myezwa H, Olsén MF, Peterson C, Pétursdóttir U, Robinson J, Sangroula K, Stensdotter AK, Tan BY, Tschoepe BA, Bruno S, Mathur S, Wong WP. The Second Physical Therapy Summit on Global Health: developing an action plan to promote health in daily practice and reduce the burden of non-communicable diseases. Physiother Theory Pract. 2014 May;30(4):261-75.
  8. Hi Air. How rehabilitation contributes to realising SDG 3. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=mkNlbkJ4NXo (last accessed 02/11/2021)
  9. 9.0 9.1 World Health Organization. Monitoring the Building Blocks of Health Systems: A Handbook of Indicators and their Measurement Strategies. 2010 (cited 2021.10.30); Available from: https://www.who.int/initiatives/rehabilitation-2030
  10. Stockton DA, Fowler C, Debono D, Travaglia J. World Health Organization building blocks in rural community health services: An integrative review. Health Sci Rep. 2021 Mar 9;4(2):e254.
  11. Gimigliano F and Negrini S. The World Health Organization “Rehabilitation 2030 — a Call for Action. European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine 2017 April.
  12. 12.0 12.1 12.2 World Health Organization. Rehabilitation 2030. 2017 (cited 2021.10.30); Available from: https://www.who.int/initiatives/rehabilitation-2030
  13. Cieza A, Causey K, Kamenov K, Hanson SW, Chatterji S, Vos T. Global estimates of the need for rehabilitation based on the Global Burden of Disease study 2019: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. Lancet. 2021 Dec 19;396(10267):2006-2017.
  14. WHO. WHO: Rehabilitation: Key for health in the 21st century. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=a8uaRziXruc (last accessed 02/11/2021)
  15. 15.0 15.1 15.2 World Health Organization. Rehabilitation Competency Framework. 2021 (cited 2021.10.31); Available from: https://www.who.int/teams/noncommunicable-diseases/sensory-functions-disability-and-rehabilitation/rehabilitation-competency-framework
  16. 16.0 16.1 World Physiotherapy. SUDA Project. 2016 (cited 2021.10.30); Available from: https://world.physio/what-we-do/projects/suda
  17. 17.0 17.1 17.2 Barth CA, Wladis, A, Blake C, Bhandarkar P, O’Sullivan C, (2020) Users of rehabilitation services in 14 countries and territories affected by conflict, 1988-2018. Bulletin of the World Health Organisation. 2020 September 98:599-614
  18. Dee M, Lennon O, O’Sullivan C. A systematic review of physical rehabilitation interventions for stroke in low and lower-middle income countries. Disabil Rehabil. 2020 Feb;42(4):473-501.
  19. TED Talk. The global goals we’ve made progress on — and the ones we haven’t | Michael Green. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=N3SQlrmV1cE (last accessed 02/11/2021)


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili