La mindfulness nei bambini

Editrice principaleMerinda Rodseth

Contributori principaliGabriele Dara, Merinda Rodseth, Kim Jackson, Robin Tacchetti, Jess Bell e Tarina van der Stockt

Introduzione(edit | edit source)

La mindfulness ha le sue origini nell’antica filosofia orientale e buddista e risale a circa 2500 anni fa.(1)(2)(3) Il concetto di mindfulness è stato introdotto nel mondo occidentale circa 40 anni fa e si è separato dai fattori culturali, religiosi e ideologici associati al buddismo per dare vita al primo intervento formalizzato basato sulla mindfulness (MBI), chiamato Mindfulness-Based Stress Reduction (MBSR, Riduzione dello stress attraverso la pratica della consapevolezza mentale). (2)(1)

La mindfulness può essere definita come:

  • “La consapevolezza che emerge prestando attenzione intenzionalmente, nel momento presente e senza giudizio al dispiegarsi dell’esperienza momento per momento” (2)
    Mindful or mind ful.jpg

  • “La direzione intenzionale dell’attenzione verso le esperienze del momento presente con un atteggiamento di curiosità e accettazione” (1)
  • “La consapevolezza mentale è fondamentalmente un modo di essere – un modo di abitare il nostro corpo, la nostra mente, la nostra esperienza momento per momento… è un modo di relazionarsi con tutte le esperienze – positive, negative e neutre – in modo aperto e ricettivo… semplicemente conosce e accetta ciò che è qui ora” (4)

Guida gli individui a focalizzare la loro attenzione sul momento presente attraverso l’uso di strategie attenzionali come la respirazione o la scansione del corpo.(5) È stato dimostrato che mantenere una prospettiva mindful sviluppa comportamenti flessibili e adattabili.(5) La mindfulness è un modo di essere che richiede uno sforzo continuo per essere sviluppato e perfezionato.(2)

La mindfulness può essere spiegata anche secondo un modello sviluppato da Shapiro e Carlson(4) che si compone di tre elementi fondamentali: l’intenzione, l’attenzione e l’atteggiamento. Questi elementi non sono processi/stadi separati, ma parti intrecciate di un unico processo, che si alimentano continuamente a vicenda.

  • Intenzione – conoscere il motivo per cui si pratica la mindfulness (il perché?). “L’intenzione è una direzione, non una destinazione”.(4) Le nostre intenzioni (visioni personali) preparano il terreno per ciò che è possibile e ciò che è dinamico e in evoluzione. Con la pratica della mindfulness, queste intenzioni passano spesso dall’autoregolazione all’autoesplorazione e infine all’autoliberazione e al servizio altruistico.(4) Le nostre intenzioni sono anche un’espressione di ciò che apprezziamo. La pratica mindful ci rende consapevoli dei nostri valori e ci permette di capire se sono sani e se sono una vera espressione di ciò che apprezziamo veramente.
  • Attenzione – “osservare le operazioni della propria esperienza interna ed esterna momento per momento”.(4)
  • Atteggiamento – Le qualità/attitudini che portiamo nell’atto di prestare attenzione sono cruciali. Mindfulness può essere tradotto come “cuore-consapevolezza”, sottolineando l’importanza di includere le qualità del “cuore” nella pratica attenzionale del mindfulness.(4) Siegel(6) descrive queste qualità come COAL – curiosità, apertura, accettazione e amore. Gli atteggiamenti con cui ci impegniamo nella mindfulness dovrebbero includere la gentilezza, la pazienza, la compassione, la curiosità, l’apertura (la mente del principiante – vedere le cose come se fosse la prima volta) e l’accettazione, senza giudicare e senza reagire.(4)

È stato suggerito che la mindfulness include 3 componenti che interagiscono strettamente per migliorare l’autoregolazione: un maggiore controllo dell’attenzione, una migliore regolazione delle emozioni e una maggiore consapevolezza di sé (Figura 1).(7)

Figura 1: Componenti della mindfulness. Adattato da Tang et al.(7)

Perché i bambini hanno bisogno della mindfulness?( modifica | modifica fonte )

I bambini crescono in un mondo in rapida evoluzione che comporta una serie di sfide. I bambini e i giovani stanno vivendo livelli elevati di stress e pressione sociale, sia dentro che fuori la scuola, il che ha un impatto sulla loro cognizione e salute mentale.(3) I disturbi mentali gravi sono molto diffusi tra i bambini e tra questi l’ADHD, l’ansia, la depressione, i problemi comportamentali e di condotta sono i più diffusi.(3) Le ricerche dimostrano che “i risultati scolastici, le competenze sociali ed emotive e la salute fisica e mentale sono fondamentalmente e molteplicemente interconnessi. Il modo migliore e più efficiente per promuovere uno qualsiasi di questi aspetti è quello di promuoverli tutti”(3)

I bambini e i giovani sono anche esposti a una serie di fattori di stress e traumi nelle prime fasi della vita. Questo non è limitato ai gruppi a basso reddito economico e alle minoranze, che sono circondati da povertà, istruzione e opportunità economiche limitate, droga e violenza, ma anche alle popolazioni a più alto reddito, che sono continuamente bombardate dalla pressione di esibirsi, eccellere e avere successo.(8) La natura ricorrente e cronica di questi fattori di stress lascia molti bambini in uno “stato di stress tossico”, continuamente sopraffatti e incapaci di gestire o affrontare lo stress.(8) Molte malattie dell’adulto hanno origine dall’esposizione durante l’infanzia a stress e traumi e l’intervento precoce tra i bambini e i giovani ha la capacità di mitigarne gli effetti negativi.(8) La MBI potrebbe essere ideale per affrontare molti di questi problemi.

La mindfulness può anche essere considerata il fondamento e il presupposto di base dell’educazione. I bambini devono imparare a fermare la propria mente errante e a regolare la propria attenzione e le proprie emozioni, a gestire i propri sentimenti di frustrazione e a motivare se stessi.(3) Queste qualità vengono potenziate dalla pratica della mindfulness.

Benefici dell’approccio mindfulness( modifica | modifica fonte )

Gli interventi basati sulla mindfulness (MBI) stanno mostrando risultati promettenti nel sostenere le esigenze di salute mentale anche in assenza di disturbi psicologici e sono diventati un metodo più popolare ed economico per fornire supporto.(1)(5) I benefici degli MBI sono ben consolidati negli adulti e comprendono:(9)(10)(11)

  • Diminuzione di ansia e depressione
  • Sollievo da stress e disagio psicologico
  • Aumento delle capacità di coping
  • Sollievo dal dolore
  • Diminuzione degli effetti negativi

Considerando i diversi usi e benefici degli MBI negli adulti, i clinici e i ricercatori stanno provando ad adattarli anche ai bambini e agli adolescenti.(3) La ricerca è ancora agli inizi e l’evidenza dell’uso degli MBI nei bambini e negli adolescenti sta ancora inseguendo il grande entusiasmo per questo approccio.(1) La ricerca sulla mindfulness nei bambini e negli adolescenti suggerisce benefici sia nelle popolazioni cliniche che in quelle non cliniche(3)(9) e comprendono:(1)(3)(5)(8)(10)(11)(12)(13)

  • Miglioramento del rendimento scolastico
  • Miglioramento della concentrazione e dell’attenzione
  • Diminuzione dello stress e dell’ansia
  • Miglioramento della regolazione emotiva e del funzionamento esecutivo, particolarmente evidente nei bambini con ADHD
  • Riduzione dei sintomi della depressione
  • Diminuzione dei comportamenti negativi
  • Miglioramento delle abilità sociali
  • Miglioramento dell’autostima
  • Aumento della compassione
  • Miglioramento delle abitudini del sonno
  • Miglioramento delle capacità di coping
  • Riduzione dei sintomi post-traumatici

Geronimi et al.(11) propongono che “i bambini che sono mindful hanno anche meno probabilità di avere difficoltà con l’inibizione, la memoria di lavoro e il cambiamento (flessibilità e apertura mentale)”. Queste abilità costituiscono le funzioni esecutive fondamentali dei nostri processi cognitivi.(11)

Cambiamenti cognitivi associati alla mindfulness( modifica | fonte edit )

Con la pratica della mindfulness sono stati documentati molti cambiamenti nell’attivazione cerebrale, il che ci permette anche di “vedere” i benefici degli MBI.(7)(12) Tuttavia, i progetti di studio variano notevolmente con l’uso di diversi MBI e, pertanto, le sedi degli effetti riportati sono diverse e distribuite su molteplici regioni del cervello.(7) Un maggiore stress è associato ad una maggiore attivazione dell’amigdala. Uno studio condotto da Bauer et al.(12) ha rilevato che gli studenti che hanno ricevuto gli MBI hanno riportato un minore stress, associato ad una minore attivazione dell’amigdala, in risposta alla visione di espressioni facciali di paura. La down-regulation (sotto-regolazione) dell’amigdala è ciò che sottolinea la riduzione dello stress osservata con la MBSR.(14) La mindfulness non consiste quindi semplicemente nel prestare attenzione. Il modo in cui utilizziamo questa concentrazione della mente modifica in ultima analisi la funzione e la struttura del cervello.(6)

(15)

Interventi basati sulla mindfulness( modifica | modifica fonte )

“I bambini hanno bisogno di un adulto completamente attento e in sintonia che sia in grado di rispondere al bambino in modo che il bambino si senta compreso, accettato, celebrato e accolto”. Dottor Gabor Mate.

I bambini si sviluppano seguendo le orme degli adulti, con il loro sistema nervoso in sintonia con l’ambiente, con gli adulti che li circondano, in particolare con i loro primi legami, con chi si prende cura di loro, con gli insegnanti, con i terapisti e con le persone a cui fanno riferimento.(16) Se un bambino cresce in un ambiente in cui gli adulti che lo circondano non si sentono sicuri, regolati, in sintonia e attenti, inizierà a imparare, attraverso una serie di meccanismi, come gestire e regolare se stesso nel mondo.(16) Il lavoro con i bambini parte quindi da voi come terapisti e dalla vostra attenzione, dalla vostra capacità di ancorarvi al momento presente e dal modo in cui vi relazionate con chi vi circonda. Gli MBI sono altamente contestuali e quando lavorate con il bambino, lavorate con il suo contesto – la sua storia e i molteplici gruppi e strutture a cui appartiene (classe sociale, cultura, insegnanti, gruppo familiare, gruppo di amici).(17)

L’educazione alla mindfulness nei bambini consiste fondamentalmente nell’aiutarli a trovare uno spazio e un luogo nella loro vita in cui possano iniziare a imparare a regolarsi.(16) Quando un bambino funziona nella sua “finestra di tolleranza”,(18) è in grado di gestire e regolare se stesso e di affrontare lo stress. È quando si allontana da questa finestra che diventa super eccitato (risposta di lotta o fuga del sistema nervoso simpatico) o bloccato/congelato (risposta parasimpatica). La mindfulness è uno strumento che insegna ai bambini a notare quando escono dalla loro finestra di tolleranza e ad essere in grado di regolare se stessi per rientrarvi.(16) L’abilità di “notare” (essere consapevoli) inizialmente potrebbe incorporare solo la semplice consapevolezza di come ci si sente nel proprio corpo prima di essere in grado di esprimere una certa emozione o di diventare consapevoli di pensieri specifici. Questo fa parte del triangolo della consapevolezza. Quando i bambini sono in grado di riconoscere che qualcosa sta accadendo in loro, possono imparare a etichettarlo, il che aiuta a diffondere la loro esperienza e la situazione nel suo complesso.(16)

Figura 2. Triangolo della consapevolezza

La mindfulness è un’abilità simile alla capacità di afferrare una palla, che può essere migliorata attraverso l’allenamento ed è stata sviluppata una grande varietà di MBI per migliorare questa abilità.(1) Molti di questi approcci MBI si basano sui principi della MBSR.(1)

Alcune tecniche incorporate negli MBI includono:(5)(13)(19)

  • Meditazione sul respiro – “notare e concentrarsi sulle sensazioni coinvolte nella respirazione”
  • Scansione del corpo – “concentrarsi su ogni parte del corpo in modo sequenziale, dalle dita dei piedi alla testa”
  • Meditazione seduta
  • Yoga consapevole

(20)

Man mano che i bambini notano i propri pensieri, gli si dovrebbe insegnare a considerarli semplicemente come bolle che si muovono attraverso di loro, senza bisogno di fermarli o bloccarli, ma guardandoli come se fossero semplicemente degli osservatori. E se rimangono bloccati nelle “bolle di pensiero”, possono semplicemente tornare a notare qualcosa che li ancori al momento presente (per esempio, la sensazione dei piedi sul pavimento o la respirazione) e quindi passare di nuovo alla meditazione sul respiro o alla scansione del corpo.(16)

La maggior parte della ricerca sulla mindfulness si è concentrata sui programmi MBI, come la MBSR, che è un programma di 8 settimane, ma anche gli esercizi di mindfulness da soli (scansione del corpo, meditazione sul respiro, scansione del suono, meditazione seduta) si sono dimostrati utili.(19) Inoltre, sono stati fatti progressi tecnologici per migliorare la mindfulness. Sono state sviluppate applicazioni per dispositivi mobili per rendere le pratiche di mindfulness accessibili al grande pubblico e i bambini sono particolarmente aperti all’uso della tecnologia.(5) Tra le app di mindfulness che hanno ottenuto una buona valutazione ci sono Mindfulness with Petit BamBou, Headspace: Meditation and Mindfulness, Breethe – Guided Meditation and Mindfulness, Stop, Breath & Think Kids, Smiling Mind and Calm.(5)

Conclusione(edit | edit source)

La pratica della mindfulness per i bambini e i giovani è ancora agli inizi, ma sta già mostrando benefici promettenti che aiuteranno i bambini a crescere e a prosperare imparando a regolare meglio se stessi e le proprie emozioni mentre affrontano i fattori di stress della vita. Insegnare loro a notare le sensazioni, le emozioni e i pensieri nel proprio corpo, a etichettarli e poi a lasciarli svanire con l’accettazione, dà loro la capacità di gestire le situazioni difficili della vita senza esserne sopraffatti. Una migliore regolazione di se stessi e delle proprie emozioni apre le porte a un apprendimento più libero e con meno ostacoli, promettendo un futuro più luminoso.

Citazioni(edit | edit source)

  1. 1.0 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 Dunning, D.L., Griffiths, K., Kuyken, W., Crane, C., Foulkes, L., Parker, J. and Dalgleish, T., 2019. Research Review: The effects of mindfulness‐based interventions on cognition and mental health in children and adolescents–a meta‐analysis of randomized controlled trials. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 60(3), pp.244-258. DOI:10.1111/jcpp.12980
  2. 2.0 2.1 2.2 2.3 Kabat‐Zinn J. Mindfulness‐based interventions in context: past, present, and future. Clinical psychology: Science and practice. 2003 Jun;10(2):144-56. DOI:10.1093/clipsy/bpg016
  3. 3.0 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 Zenner C, Herrnleben-Kurz S, Walach H. Mindfulness-based interventions in schools—a systematic review and meta-analysis. Frontiers in psychology. 2014 Jun 30;5:603. DOI:10.3389/fpsyg.2014.00603
  4. 4.0 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6 Shapiro SL, Carlson LE. The art and science of mindfulness: Integrating mindfulness into psychology and the helping professions. 2nd ed. Washington, DC: American Psychological Association; 2017.
  5. 5.0 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 5.6 Nunes A, Castro SL, Limpo T. A review of mindfulness-based apps for children. Mindfulness. 2020 Sep;11(9):2089-101. DOI:10.1007/s12671-020-01410-w
  6. 6.0 6.1 Siegel DJ. Mindfulness training and neural integration: Differentiation of distinct streams of awareness and the cultivation of well-being. Social cognitive and affective neuroscience. 2007 Dec 1;2(4):259-63. DOI:10.1093/scan/nsm034
  7. 7.0 7.1 7.2 7.3 Tang YY, Hölzel BK, Posner MI. The neuroscience of mindfulness meditation. Nature Reviews Neuroscience. 2015 Apr;16(4):213-25. DOI:10.1038/nrn3916
  8. 8.0 8.1 8.2 8.3 Sibinga EM, Webb L, Ghazarian SR, Ellen JM. School-based mindfulness instruction: an RCT. Pediatrics. 2016 Jan 1;137(1). DOI: 10.1542/peds.2015-2532
  9. 9.0 9.1 Spinelli C, Wisener M, Khoury B. Mindfulness training for healthcare professionals and trainees: A meta-analysis of randomized controlled trials. Journal of Psychosomatic Research. 2019 May 1;120:29-38. DOI:10.1016/j.jpsychores.2019.03.003
  10. 10.0 10.1 Marusak HA, Elrahal F, Peters CA, Kundu P, Lombardo MV, Calhoun VD, Goldberg EK, Cohen C, Taub JW, Rabinak CA. Mindfulness and dynamic functional neural connectivity in children and adolescents. Behavioural brain research. 2018 Jan 15;336:211-8. DOI:10.1016/j.bbr.2017.09.010
  11. 11.0 11.1 11.2 11.3 Geronimi EM, Arellano B, Woodruff-Borden J. Relating mindfulness and executive function in children. Clinical child psychology and psychiatry. 2020 Apr;25(2):435-45. DOI:10.1177/135910451983373
  12. 12.0 12.1 12.2 Bauer CC, Caballero C, Scherer E, West MR, Mrazek MD, Phillips DT, Whitfield-Gabrieli S, Gabrieli JD. Mindfulness training reduces stress and amygdala reactivity to fearful faces in middle-school children. Behavioral Neuroscience. 2019 Dec;133(6):569. DOI:10.1037/bne0000337
  13. 13.0 13.1 Evans S, Ling M, Hill B, Rinehart N, Austin D, Sciberras E. Systematic review of meditation-based interventions for children with ADHD. European Child & Adolescent Psychiatry. 2018 Jan 1;27(1):9-27. DOI:10.1007/s00787-017-1008-9
  14. Gotink RA, Meijboom R, Vernooij MW, Smits M, Hunink MM. 8-week mindfulness based stress reduction induces brain changes similar to traditional long-term meditation practice–a systematic review. Brain and cognition. 2016 Oct 1;108:32-41. DOI:10.1016/j.bandc.2016.07.001
  15. Smiling Mind. Mind the Bump – Mindfulness and how the brain works. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=U9d15gOnocY (last accessed 26/6/2022)
  16. 16.0 16.1 16.2 16.3 16.4 16.5 Prowse, T. Introduction to Mindfulness for Children. Plus course. 2021
  17. Ciarrochi J, Atkins PW, Hayes LL, Sahdra BK, Parker P. Contextual positive psychology: Policy recommendations for implementing positive psychology into schools. Frontiers in psychology. 2016 Oct 10;7:1561. DOI:10.3389/fpsyg.2016.01561
  18. Siegel DJ. The developing mind: Toward a neurobiology of interpersonal experience. 2nd ed. New York: Guilford Press; 2012
  19. 19.0 19.1 Blanck P, Perleth S, Heidenreich T, Kröger P, Ditzen B, Bents H, Mander J. Effects of mindfulness exercises as stand-alone intervention on symptoms of anxiety and depression: Systematic review and meta-analysis. Behaviour Research and Therapy. 2018 Mar 1; 102:25-35. DOI:10.1016/j.brat.2017.12.002
  20. Psych Hub. How to Practice Mindfulness. Published 23 June 2020. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=bLpChrgS0AY (last accessed 26 Feb 2021)
  21. ABC ME. What is Mindfulness? The Mindfulness Toolkit. Published 8 July 2018. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=kO5I0p3IuiQ (last accessed 26 Feb 2021)
  22. Sarasota County Schools Education Channel. What is Mindfulness? Published 10 Aug 2020. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=5ZzFqAPRcLI (last accessed 26 Feb 2021)
  23. KeltyMentalHealth. Mindfulness: Youth Voices. Published 14 March 2013. https://www.youtube.com/watch?v=kk7IBwuhXWM (last accessed 18 Feb 2021)


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili