Introduzione sul dolore al tallone plantare

Redazione originale Merinda Rodseth sulla base di un corso di Bernice Saban

Collaboratori principaliMerinda Rodseth, Kim Jackson, Jess Bell e Tarina van der Stockt

Terminologia(edit | edit source)

Sono stati utilizzati molti termini per descrivere il dolore sotto l’aspetto plantare del tallone, tra cui:(1)(2)(3)

Molti dei termini utilizzati per descrivere il dolore sotto il tallone sono legati a patologie specifiche, anche se l’effettiva patologia di base del dolore sotto il tallone rimane in gran parte sconosciuta.(1)(4) Molti clinici si sono concentrati sulla fascia plantare quando i pazienti si lamentano di dolore sotto il tallone, ma oggi esistono evidenze sufficienti per indicare che la fascia plantare non è l’unica responsabile.(1) Pertanto, per facilitare una comunicazione efficace tra i clinici, migliorare la comprensione della condizione del paziente, incoraggiare un processo decisionale condiviso e migliorare gli outcome del trattamento, è necessaria una terminologia coerente e non ambigua.(1) Il termine “dolore al tallone plantare” è stato quindi proposto per descrivere la condizione di dolore sotto il tallone in assenza di diagnosi differenziale.(1)(3)

Anatomia e funzione del tallone( modifica | modifica fonte )

Fascite plantare.jpeg

L’osso calcaneare è l’osso più grande del piede ed è specificamente adattato per sostenere elevate forze di trazione, flessione e compressione, soprattutto durante il carico.(5)(6) Il carico non è distribuito equamente sul piede durante la fase di appoggio (stance), ma si concentra sulla zona del tallone. La parte inferiore del calcagno è ruvida e ricoperta da un robusto tessuto fibroso, il grasso del cuscinetto del tallone e una pelle spessa.(6) La parte più bassa del calcagno posteriore trasferisce il carico dal tallone al suolo durante la fase di contatto del tallone (hell strike) del passo.(6) Il tallone è molto attivo nel ciclo del passo e prende il peso per circa il 40% del ciclo del passo, dal contatto del tallone (heel strike) allo stacco del tallone (heel off).(7) L’aspetto antero-mediale del calcagno fornisce anche l’inserzione sulla fascia plantare, una struttura importante per il mantenimento degli archi longitudinali del piede.(6)

Gait Cycle

Prevalenza del dolore al tallone plantare( modifica | fonte edit )

Il dolore al tallone plantare (PHP) è una delle condizioni muscoloscheletriche più comuni che colpiscono l’arto inferiore,(8) con una prevalenza stimata del 3,6-9,6%. (4)(8) Rappresenta l’11-15% di tutti i disturbi del piede negli adulti che richiedono cure professionali.(9) Colpisce persone molto attive e con elevati volumi di allenamento, come i runner, nonché individui sedentari di mezza età o anziani (40-60 anni) con un elevato indice di massa corporea.(1)(9) Il PHP può essere di lunga durata e ha un impatto negativo sulla qualità della vita. È inoltre associato a una disabilità significativa a causa del dolore che complica le attività quotidiane e sportive.(4)(9)

Nonostante la significativa disabilità personale e l’onere sociale associato a questa condizione, l’eziologia del PHP rimane poco chiara.(2)(8) Il PHP è associato a una serie di fattori a livello del piede, quali:

  • tipo di piede pronato
  • limitata flessione dorsale dell’articolazione della caviglia
  • flessione dorsale della prima articolazione metatarso-falangea
  • ridotta forza muscolare del piede e della caviglia

Oltre a fattori di tipo personale come:

  • indice di massa corporea elevato
  • depressione
  • ansia
  • stress
  • occupazioni che richiedono periodi prolungati in piedi(2)(8)

Questi fattori potrebbero non essere la causa, ma supportano l’idea che il PHP sia un problema complesso e multifattoriale.(2)(8) La complessità del PHP, unita alla limitata comprensione della sua eziologia, porta all’incertezza sulle strategie di intervento più efficaci.(2)

Localizzazione del dolore( modifica | modifica fonte )

Dal punto di vista clinico, il dolore è il disturbo più comune nel PHP, che comporta difficoltà nelle attività in carico, come camminare e stare in piedi, e influisce negativamente sulle attività lavorative e ricreative.(10) Il dolore sotto il tallone è tipicamente localizzato sull’aspetto antero-mediale del tallone plantare.(1) I clinici usano comunemente la pressione del pollice quando palpano manualmente il tallone, al fine di localizzare il sito esatto del dolore e formulare una diagnosi.(10) La pressione sul piede è stata a lungo considerata significativa nell’eziologia del PHP.(2)

Saban e Masharawi (10) hanno proposto l’uso delle soglie del dolore da pressione (PPT) come metodo semi-obiettivo per quantificare l’entità della pressione meccanica necessaria a provocare dolore.

  • Il PPT è definito come “la quantità minima di pressione con cui una sensazione di pressione si trasforma per la prima volta in dolore”(3) e può essere facilmente testata con l’algometria pressoria.(10)
  • I PPT sono generalmente più alti nelle parti del piede in carico, esprimendo una minore sensibilità meccanica. In questo modo il tallone ha il livello di PPT più alto dell’aspetto plantare del piede, il che è coerente con lo schema di carico del tallone durante la deambulazione.(3)(10)
  • Per misurare il PPT, Saban e Masharawi (10) hanno fatto sdraiare il paziente in posizione supina con i piedi sopra il bordo del letto e senza pressione sul tallone. L’area del tallone è stata suddivisa in 5 regioni e le misure di PPT sono state registrate in ciascuno dei siti utilizzando un algometro meccanico computerizzato portatile.
  • Nel loro studio, Saban e Masharawi (10) hanno riscontrato che l’aspetto mediale anteriore del tallone è l’area più sensibile del tallone, in linea con l’area comunemente citata dai pazienti, ma non hanno differenziato tra individui con PHP e controlli.

Ríos-León et al. (3) hanno riportato dei PPT più bassi (maggiore sensibilità al dolore da pressione) nella regione plantare generale di entrambi i piedi nei soggetti con PHP. Questa sensibilità al dolore da pressione era anche associata a una maggiore intensità del dolore al primo passo del mattino e a un maggiore spessore della fascia plantare all’origine, ma non alla disabilità o alla postura del piede.(3) Hanno riportato un’iperalgesia più generalizzata sul piede interessato nei pazienti con PHP.(3)

Risultati della soglia del dolore da pressione (11)

Comportamento del dolore( modifica | modifica fonte )

Il dolore sotto il tallone si presenta tipicamente come dolore sull’aspetto antero-mediale del tallone plantare durante il carico. In genere è esacerbato da periodi prolungati di deambulazione e in piedi e può essere particolarmente acuto quando si calpesta per la prima volta il tallone dopo lunghi periodi di riposo (per esempio, quando si scende dal letto al mattino o ci si alza dopo essere stati a lungo seduti).(1)(3)(12) Questo “dolore con il primo passo” è anche il sintomo più comunemente descritto nel PHP.(4)

Risorse aggiuntive ( edit | edit source )

Meccanismo e test del Windlass

Citazioni(edit | edit source)

  1. 1.0 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 Riel H, Cotchett M, Delahunt E, Rathleff MS, Vicenzino B, Weir A, Landorf KB. Is ‘plantar heel pain’ a more appropriate term than ‘plantar fasciitis’? Time to move on. Br J Sports Med. 2017; 15(22):1576-1577. DOI:10.1136/bjsports-2017-097519
  2. 2.0 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 Sullivan J, Pappas E, Burns J. Role of mechanical factors in the clinical presentation of plantar heel pain: implications for management. The Foot. 2020 Mar 1;42:101636. DOI:10.1016/j.foot.2019.08.007
  3. 3.0 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 Ríos-León M, Ortega-Santiago R, Madeleine P, Fernández-de-Las-Peñas C, Plaza-Manzano G. Topographical pressure pain sensitivity maps of the feet reveal bilateral pain sensitivity in patients with unilateral plantar heel pain. Journal of Orthopaedic & Sports Physical Therapy. 2019 Sep;49(9):640-6. DOI: 10.2519/jospt.2019.8813
  4. 4.0 4.1 4.2 4.3 Cotchett M, Rathleff MS, Dilnot M, Landorf KB, Morrissey D, Barton C. Lived experience and attitudes of people with plantar heel pain: a qualitative exploration. Journal of foot and ankle research. 2020 Dec;13(1):1-9. DOI: 10.1186/s13047-020-0377-3
  5. Cichowitz A, Pan WR, Ashton M. The heel: anatomy, blood supply, and the pathophysiology of pressure ulcers. Annals of plastic surgery. 2009 Apr 1;62(4):423-9. DOI:10.1097/sap.0b013e3181851b55
  6. 6.0 6.1 6.2 6.3 Palastanga N, Soames R. Anatomy and Human Movement, Structure and Function. 6th ed. Churchill Livingstone: Elsevier. 2012.
  7. Levangie PK, Norkin CC. Joint structure and function: a comprehensive analysis. 5th ed. Philadelphia, PA: FA Davis Company. 2011.
  8. 8.0 8.1 8.2 8.3 8.4 Thomas MJ, Whittle R, Menz HB, Rathod-Mistry T, Marshall M, Roddy E. Plantar heel pain in middle-aged and older adults: population prevalence, associations with health status and lifestyle factors, and frequency of healthcare use. BMC musculoskeletal disorders. 2019 Dec;20(1):1-8. DOI:10.1186/s12891-019-2718-6
  9. 9.0 9.1 9.2 Rasenberg N, Bierma-Zeinstra SM, Bindels PJ, van der Lei J, van Middelkoop M. Incidence, prevalence, and management of plantar heel pain: a retrospective cohort study in Dutch primary care. British Journal of General Practice. 2019 Nov 1;69(688):e801-8. DOI:10.3399/bjgp19X706061
  10. 10.0 10.1 10.2 10.3 10.4 10.5 10.6 Saban B, Masharawi Y. Pain threshold tests in patients with heel pain syndrome. Foot & ankle international. 2016 Jul;37(7):730-6. DOI:10.1177/1071100716642038
  11. Saban B, Masharawi Y. Pain threshold tests in patients with heel pain syndrome. Foot & ankle international. 2016 Jul;37(7):730-6. DOI:10.1177/1071100716642038
  12. Morrissey D, Cotchett M, J’Bari AS, Prior T, Griffiths IB, Rathleff MS, Gulle H, Vicenzino B, Barton CJ. Management of plantar heel pain: a best practice guide informed by a systematic review, expert clinical reasoning and patient values. British Journal of Sports Medicine. 2021 Mar 30. DOI:10.1136/bjsports-2019-101970


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili