Attività per allenare la posizione seduta nei lattanti

Redattrice principale – Pam Versfeld
Collaboratori principaliRobin Tacchetti e Jess Bell

Allenare la posizione seduta sulle gambe( modifica | modifica fonte )

L’allenamento della posizione seduta sulle gambe inizia determinando il livello di supporto di cui il lattante ha bisogno per mantenere il tronco e la testa in posizione verticale e stabile quando è seduto sulle gambe del caregiver.

  • Osservare come e dove il caregiver fornisce il supporto manuale e la risposta posturale del lattante a tale supporto.
  • Spesso un piccolo aggiustamento del supporto del caregiver fa una grande differenza nella capacità del lattante di mantenere la testa e il tronco in posizione verticale.(1)(2)

Come mostrato nell’immagine sottostante, quando il lattante è seduto sulle gambe del caregiver, il supporto può essere fornito a livello dell’ascella, della parte inferiore del torace, della vita e del bacino.

È inoltre possibile verificare il livello di supporto manuale di cui il lattante ha bisogno quando viene sostenuto da seduto su una superficie piana. L’immagine seguente mostra il supporto manuale fornito a livello dell’ascella, della vita e del bacino.

Allenare la posizione seduta sulle gambe( modifica | modifica fonte )

Dopo aver determinato la quantità di supporto manuale di cui ha bisogno un lattante per poter stare seduto in posizione verticale con relativa facilità, è possibile esplorare i modi per adattare l’ambiente in modo da incoraggiare il raggiungimento e l’esplorazione visiva, la partecipazione sociale e il raggiungimento in diverse direzioni. Queste attività mettono alla prova le risposte posturali e di equilibrio del lattante.

Pamv74.png

Se il caregiver non fornisce un supporto che permetta al lattante di mantenere il tronco superiore e la testa in posizione verticale e stabile con relativa facilità, mostrategli come modificare il supporto manuale in modo da fornire un supporto più efficace.

Se il lattante non è in grado di mantenere la testa in posizione verticale, anche con un supporto all’ascella, occorre regolare la posizione del supporto manuale per facilitare e rendere possibile il mantenimento della testa in posizione verticale.

  • Chiedete al caregiver di appoggiarsi un po’ indietro in modo che la testa del lattante possa appoggiarsi al petto del caregiver.
  • Incoraggiate il caregiver a regolare il supporto manuale in modo che il lattante possa tenere la testa ferma, ma assicuratevi che il lattante debba comunque fare uno sforzo per mantenere la posizione.
Pamv75.png

Offrire al lattante qualcosa da guardare solitamente è uno stimolo a fare uno sforzo per stabilizzare la testa. L’interazione con una persona che ha un volto e una voce animati può catturare l’attenzione del lattante e aumentare il suo effortful control.(3)(4)

Pamv76.png

Una volta che il caregiver è in grado di supportare il lattante a stare seduto in posizione verticale, a tenere la testa su e a guardarsi intorno, si può incoraggiare il lattante a raggiungere e afferrare un giocattolo o una mano in movimento.

Pamv77.png

I caregiver possono muovere le proprie mani, in modo da fornire un sostegno minore rispetto al solito. Questo mette a dura prova la capacità del lattante di tenere la testa ferma. Fornire meno supporto nella posizione seduta sulle gambe, e come parte della gestione e delle interazioni sociali che avvengono nel quotidiano, offre ai lattanti anche l’opportunità di esercitarsi a mantenere fermi la testa e il tronco in situazioni diverse.(3)(4)

Pamv78.png

Allenare la posizione seduta su una superficie piana con supporto esterno e appoggio delle braccia( modifica | fonte di modifica )

Una volta che il lattante è in grado di mantenere la testa e il tronco in posizione verticale quando è seduto con un supporto manuale intorno alla vita o al bacino, è il momento di esplorare la sua capacità di stare seduto in posizione verticale su una superficie piana utilizzando un supporto esterno. Questo può essere fornito da cuscini da divano piatti e duri, da blocchi in gommapiuma o da scatole, alti 10-15 cm (si veda immagine sotto).

  • Un blocco in gommapiuma o un solido cuscino da divano viene posizionato su entrambi i lati del bambino, con il blocco a contatto con il sedere e la parte laterale delle cosce e del torace.
  • Un altro blocco è posizionato dietro il bambino.

La superficie rialzata su entrambi i lati facilita l’appoggio delle mani del bambino. Questo aiuta a mantenere il tronco in posizione verticale e aumenta la base di appoggio (BOS) in direzione laterale.

Pamv81.png

Quindi, incoraggiate il lattante a raggiungere i giocattoli, che sono posizionati sulla superficie di appoggio tra le gambe o sulla superficie rialzata fornita dai blocchi.

Raggiungere lateralmente i giocattoli a portata di mano( modifica | modifica fonte )

Una volta che il bambino è in grado di mantenere la posizione seduta verticale con il supporto di un blocco laterale, iniziate a incoraggiarlo a raggiungere con una mano i giocattoli posizionati a portata di mano. Ricordate di alternare il lato destro e quello sinistro. Man mano che la stabilità della posizione seduta e l’equilibrio del bambino migliorano, le progressioni includono il posizionamento dei giocattoli un po’ più lontano, a volte più avanti e più indietro, il che richiede una certa rotazione del tronco.

Pamv84.png

Il raggiungimento oltre una distanza superiore alla lunghezza del braccio si ottiene con un’azione coordinata tra il tronco che si inclina nella direzione del raggiungimento auspicato e il sollevamento e l’estensione del braccio. Questa azione coordinata tronco-braccio viene appresa esplorando ripetutamente diversi modi di avvicinare la mano al giocattolo. Può comportare molti tentativi falliti e cadute.(5)(6)

Pamv85.png

Le cadute sono una parte importante dell’apprendimento dell’equilibrio in posizione seduta( modifica | fonte edit )

Le cadute si verificano quando il bambino esplora diverse strategie per estendere il proprio raggiungimento e, nel farlo, a volte sposta il proprio centro di pressione troppo vicino al bordo della propria base di appoggio. I lattanti a sviluppo tipico non sembra che si preoccupino di cadere.

Ridurre il supporto esterno( modifica | modifica sorgente )

Per progredire dalla posizione seduta con il supporto dei blocchi si spostano i blocchi a una piccola distanza dal bacino e dalle cosce. In questo modo si rimuove il supporto esterno fornito al bacino, per cui il bambino deve imparare a mantenere l’equilibrio senza il supporto esterno. Questo potrebbe portare a un aumento delle cadute laterali. Tuttavia, la presenza della superficie rialzata fa sì che la distanza della caduta sia ridotta e facilita la spinta del bambino sulle braccia.(7)(8)

Allenare la posizione seduta indipendente e le transizioni alle posizioni prona sdraiata e quadrupedica( modifica | fonte edit )

Una volta che il lattante è in grado di stare seduto senza alcun supporto esterno, dovrebbe avere molte opportunità di sedersi e giocare con una serie di giocattoli e altri oggetti interessanti di forme, dimensioni e pesi diversi.

  • Iniziate collocando i giocattoli in posizioni diverse, ma sempre a portata di mano.
  • La capacità del bambino di attivare risposte posturali anticipatorie e compensatorie per mantenere una posizione verticale stabile e per mantenere l’equilibrio è messa alla prova dalla raccolta, dallo spostamento e dalla manipolazione dei giocattoli.(9)(10)
Pamv87.png

  • Man mano che la capacità del bambino di raggiungere gli oggetti a portata di mano migliora, spostate i giocattoli un po’ più lontano, in modo che il bambino debba combinare la flessione o la rotazione del tronco con la flessione delle spalle per entrare in contatto con il giocattolo.
Pamv88.png

  • Le cadute all’indietro sono ancora frequenti, per cui è utile mettere un cuscino dietro il bambino.

Allenare il trasferimento dalla posizione seduta a quella quadrupedica( modifica | modifica fonte )

I lattanti passano dalla posizione seduta a quella quadrupedica in due modi.

  1. Raggiungendo anteriormente e appoggiando il peso sulle mani.
    • In questa sequenza di movimenti, lo spostamento del peso dal sedere alle mani e alle ginocchia richiede lo slancio prodotto da un rapido movimento in avanti del tronco.
  2. Rotazione del tronco e raggiungimento oltre il corpo.

Pamv90.png

Importanza della motivazione a muoversi e a giocare con i giocattoli( modifica | modifica fonte )

L’interesse del lattante a interagire con giocattoli e altri oggetti interessanti fornisce lo stimolo per imparare a stare in equilibrio da seduto. Le azioni di raggiungimento creano forze perturbatrici che vengono contrastate da risposte posturali anticipatorie e compensatorie, importanti per il mantenimento dell’equilibrio.(11)(12) È importante trovare il giocattolo giusto per motivare il bambino a muoversi, in modo da sfidare le sue capacità e incoraggiare la persistenza per raggiungere gli obiettivi.

Risorse(edit | edit source)

Citazioni(edit | edit source)

  1. Sangkarit N, Siritaratiwat W, Bennett S, Tapanya W. Factors Associating with the Segmental Postural Control during Sitting in Moderate-to-Late Preterm Infants via Longitudinal Study. Children. 2021 Sep 26;8(10):851.
  2. Pin TW, Butler PB, Cheung HM, Shum SL. Relationship between segmental trunk control and gross motor development in typically developing infants aged from 4 to 12 months: a pilot study. BMC pediatrics. 2019 Dec;19(1):1-9.
  3. 3.0 3.1 Kretch KS, Koziol NA, Marcinowski EC, Kane AE, Inamdar K, Brown ED, Bovaird JA, Harbourne RT, Hsu LY, Lobo MA, Dusing SC. Infant posture and caregiver‐provided cognitive opportunities in typically developing infants and infants with motor delay. Developmental Psychobiology. 2022 Jan;64(1):e22233.
  4. 4.0 4.1 Franchak JM. Changing opportunities for learning in everyday life: Infant body position over the first year. Infancy. 2019 Mar;24(2):187-209.
  5. Mlincek MM, Roemer EJ, Kraemer C, Iverson JM. Posture Matters: Object Manipulation During the Transition to Arms-Free Sitting in Infants at Elevated vs. Typical Likelihood for Autism Spectrum Disorder. Physical & Occupational Therapy In Pediatrics. 2022 Jan 9:1-5.
  6. Corbetta D. Perception, action, and intrinsic motivation in infants’ motor-skill development. Current Directions in Psychological Science. 2021 Oct;30(5):418-24.
  7. Soska KC, Adolph KE. Postural position constrains multimodal object exploration in infants. Infancy. 2014 Mar;19(2):138-61.
  8. Rachwani J, Santamaria V, Saavedra SL, Woollacott MH. The development of trunk control and its relation to reaching in infancy: a longitudinal study. Frontiers in human neuroscience. 2015 Feb 24;9:94.
  9. Kyvelidou A, Stuberg WA, Harbourne RT, Deffeyes JE, Blanke D, Stergiou N. Development of upper body coordination during sitting in typically developing infants. Pediatric research. 2009 May;65(5):553-8.
  10. Maki BE, McIlroy WE. The role of limb movements in maintaining upright stance: the “change-in-support” strategy. Physical therapy. 1997 May 1;77(5):488-507.
  11. Atun-Einy O, Berger SE, Scher A. Assessing motivation to move and its relationship to motor development in infancy. Infant Behavior and Development. 2013 Jun 1;36(3):457-69.
  12. Rachwani J, Soska KC, Adolph KE. Behavioral flexibility in learning to sit. Developmental psychobiology. 2017 Dec;59(8):937-48.


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili