Un approccio orientato al compito per la valutazione e l’allenamento alla posizione seduta nei lattanti

Redattrice principale – Pam Versfeld
Collaboratori principaliRobin Tacchetti e Jess Bell

Lo scopo della valutazione della posizione seduta del lattante( modifica | modifica fonte )

La valutazione della posizione seduta nei lattanti tende ad avere due scopi:

  1. Identifica il grado di avanzamento della traiettoria di sviluppo della posizione seduta nel lattante. Due test comunemente utilizzati per valutare i progressi della posizione seduta sono il Segmental Assessment of Trunk Control (SATCo) e l’Alberta Infant Motor Scale (AIMS).
  2. Aiuta a identificare ciò che un lattante può o non può fare al momento attuale. Evidenzia i motivi per cui un lattante sta avendo difficoltà a stare seduto e cosa si può fare per migliorare le sue capacità di stare seduto.

Segmental Assessment of Trunk Control (SATCo)( edit | edit source )

La SATCo è una valutazione clinica della capacità del bambino di mantenere una postura verticale della testa e del tronco quando viene fornito un supporto manuale a livelli progressivamente inferiori del tronco.(1)(2) Con il lattante seduto su una panca, per valutare il controllo del capo si utilizza un supporto manuale a livello del cingolo scapolare, seguito da un supporto a livello di ascelle, scapola inferiore, costole inferiori, sotto le costole, bacino e infine nessun supporto.

Il bambino è seduto su una panca e il suo bacino è fissato in posizione verticale da una cinghia. Il terapista sostiene il tronco a diversi livelli. Per ogni livello segmentale del tronco, il controllo statico, attivo e reattivo viene valutato come presente, assente o non testato (NT).

  • Il controllo statico è attribuito se il bambino è in grado di mantenere una postura neutra del tronco al di sopra del livello di supporto manuale;
  • Il controllo attivo è attribuito se il bambino riesce a mantenere una postura neutra durante il movimento della testa;
  • Il controllo reattivo è attribuito se il tronco sopra il supporto rimane stabile con una perturbazione esterna (un colpetto).

La SATCo ha dimostrato di essere una misura clinica affidabile e valida del controllo del tronco nei lattanti a sviluppo tipico e in quelli con disabilità neuromotoria.

Le istruzioni complete per l’utilizzo della SATCo sono contenute nel SATCo Clinical Workbook.

Alberta Infant Motor Scale (AIMS)( edit | edit source )

L’AIMS valuta la maturazione delle capacità motorie grossolane del lattante dal termine (40 settimane dopo il concepimento) ai 18 mesi di età.

  • Si compone di quattro sottoscale: supino, prono, seduto e in piedi
    • Ogni sottoscala ha una serie di item che descrivono livelli crescenti di maturazione di un compito evolutivo.
  • Ogni item è accompagnato da un grafico che illustra la percentuale di lattanti nel campione normativo per ogni categoria di età che ha ricevuto crediti per quel particolare item.
  • Gli studi che hanno utilizzato i dati normativi dell’AIMS per valutarne la validità in diversi paesi hanno evidenziato alcune differenze nell’età in cui i lattanti raggiungono i diversi item.(3)(4)

La sequenza degli item nella scala per la posizione seduta dell’AIMS fornisce un utile riferimento per identificare i progressi del lattante lungo la traiettoria della posizione seduta senza supporto. Essi comprendono:

Linee guida per la valutazione e l’intervento utilizzando un approccio basato su sistemi dinamici e orientato al compito( modifica | modifica fonte )

La valutazione della posizione seduta sarà di solito una parte di una sessione terapeutica che inizia con l’incontro e l’accoglienza del bambino, della famiglia e degli altri caregiver e con una conversazione sulle aspettative e gli obiettivi della famiglia per la seduta. Questa conversazione tra famiglia e terapista identificherà quindi i compiti evolutivi che saranno selezionati per la valutazione e l’allenamento durante la sessione di terapia e per la pianificazione del programma a domicilio.(5)

L’approccio all’intervento, intensivo, basato su sistemi dinamici e orientato al compito, proposto in questo corso, si basa su due fonti:

  1. Le linee guida internazionali per la pratica clinica per l’intervento precoce sui bambini da 0 a 2 anni con o a rischio di CP(6)
  2. Il protocollo GAME per l’intervento precoce

Il protocollo GAME per l’intervento precoce( modifica | modifica fonte )

L’intervento GAME si basa sui principi dell’apprendimento motorio attivo, dell’assistenza incentrata sulla famiglia, del parent coaching e dell’arricchimento ambientale. L’intervento è personalizzato in base agli obiettivi e allo stile di arricchimento del genitore e alle capacità motorie del bambino.(7)(8)

L’approccio all’intervento, intensivo, basato su sistemi dinamici e orientato al compito, si basa su sei idee:

  1. L’assistenza incentrata sulla famiglia e il coinvolgimento dei genitori nella scelta degli obiettivi e nell’offerta di opportunità per praticare le abilità di movimento sono essenziali per il successo.(9) (10)
  2. La terapia dovrebbe sempre partire dalle capacità attuali del lattante: considerando ciò che può fare in questo momento, come questo crea un’opportunità per imparare a fare di più?(11)
  3. Un’enfasi sull’intensità e sulla ripetizione dell’allenamento e sulle svariate opportunità quotidiane di praticare un compito in una varietà di contesti.(6)
  4. L’azione autonoma e l’esplorazione delle possibilità di fare cose supportano e migliorano l’apprendimento motorio.(12)
  5. La motivazione intrinseca, la curiosità e la voglia di esplorare e interagire con persone e oggetti favoriscono l’apprendimento di nuove abilità di movimento.(13)
  6. La promozione di un’interazione sociale e di una comunicazione piacevole e significativa è fondamentale per l’intervento e supporta l’apprendimento di compiti motori.

Risorse(edit | edit source)

Citazioni(edit | edit source)

  1. Sangkarit N, Siritaratiwat W, Bennett S, Tapanya W. Factors Associating with the Segmental Postural Control during Sitting in Moderate-to-Late Preterm Infants via Longitudinal Study. Children. 2021 Sep 26;8(10):851.
  2. Pin TW, Butler PB, Cheung HM, Shum SL. Relationship between segmental trunk control and gross motor development in typically developing infants aged from 4 to 12 months: a pilot study. BMC pediatrics. 2019 Dec;19(1):1-9.
  3. van Iersel PA, la Bastide-van Gemert S, Wu YC, Hadders-Algra M. Alberta Infant Motor Scale: Cross-cultural analysis of gross motor development in Dutch and Canadian infants and introduction of Dutch norms. Early Human Development. 2020 Dec 1;151:105239.
  4. Gontijo AP, de Melo Mambrini JV, Mancini MC. Cross-country validity of the Alberta Infant Motor Scale using a Brazilian sample. Brazilian Journal of Physical Therapy. 2021 Jul 1;25(4):444-9.
  5. Baldwin P, King G, Evans J, McDougall S, Tucker MA, Servais M. Solution-focused coaching in pediatric rehabilitation: an integrated model for practice. Physical & occupational therapy in pediatrics. 2013 Nov 1;33(4):467-83.
  6. 6.0 6.1 Morgan C, Fetters L, Adde L, Badawi N, Bancale A, Boyd RN, Chorna O, Cioni G, Damiano DL, Darrah J, De Vries LS. Early intervention for children aged 0 to 2 years with or at high risk of cerebral palsy: international clinical practice guideline based on systematic reviews. JAMA pediatrics. 2021 Aug 1;175(8):846-58.
  7. Morgan C, Novak I, Dale RC, Guzzetta A, Badawi N. GAME (Goals-Activity-Motor Enrichment): protocol of a single blind randomised controlled trial of motor training, parent education and environmental enrichment for infants at high risk of cerebral palsy. BMC neurology. 2014 Dec;14(1):1-9.
  8. Morgan C, Novak I, Dale RC, Guzzetta A, Badawi N. Single blind randomised controlled trial of GAME (Goals⿿ Activity⿿ Motor Enrichment) in infants at high risk of cerebral palsy. Research in Developmental Disabilities. 2016 Aug 1;55:256-67.
  9. King G, Williams L, Hahn Goldberg S. Family‐oriented services in pediatric rehabilitation: A scoping review and framework to promote parent and family wellness. Child: care, health and development. 2017 May;43(3):334-47.
  10. An M, Palisano RJ, Yi CH, Chiarello LA, Dunst CJ, Gracely EJ. Effects of a collaborative intervention process on parent empowerment and child performance: A randomized controlled trial. Physical & Occupational Therapy in Pediatrics. 2019 Jan 2;39(1):1-5.
  11. Baldwin P, King G, Evans J, McDougall S, Tucker MA, Servais M. Solution-focused coaching in pediatric rehabilitation: an integrated model for practice. Physical & occupational therapy in pediatrics. 2013 Nov 1;33(4):467-83.
  12. Corbetta D, DiMercurio A, Wiener RF, Connell JP, Clark M. How perception and action fosters exploration and selection in infant skill acquisition. Advances in child development and behavior. 2018 Jan 1;55:1-29.
  13. Atun-Einy O, Berger SE, Scher A. Assessing motivation to move and its relationship to motor development in infancy. Infant Behavior and Development. 2013 Jun 1;36(3):457-69.


Lo sviluppo professionale nella tua lingua

Unisciti alla nostra comunità internazionale e partecipa ai corsi online pensati per tutti i professionisti della riabilitazione.

Visualizza i corsi disponibili